La signora del caviale

Michele Marziani

Editore: Cult Editore
Collana: Graffiti
Anno edizione: 2009
Pagine: 180 p., Brossura
  • EAN: 9788863920093
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,00

€ 12,00

Risparmi € 6,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio

    15/11/2017 07:36:11

    Siamo alla vigilia dell'ultima guerra in un paesino della provincia di Ferrara vicino al delta del Po. La vita è grama, sorretta per un bel po' di famiglie dalla pesca e dalla sucecssiva vendita dello storione e del caviale. Molto di questo viene venduto ad un negozio di alimentari di Ferrara, la cui proprietaria -la signora del caviale- viene a prenderselo e lavorarselo direttamente in paese. Arriva in treno, il cui capostazione è lo zio del protagonista, un bambino di dodici anni, figlio di un anarchico morto nella guerra civile spagnola che non gli ha dato il suo cognome. Vivino tutti e tre, madre, figlio e fratello della mamma, in un appartamento sopra la stazione. Siampo negli anni del pieno consenso al fascismo e Nello, il protagonista, non ne è immune. Il suo miglior amico è Nicola, il figlio del Turco, il maggior conoscitore di pesca dello storione. Nicola, nonostante i vari tentativi delle autorità, è costretto ad abbandonare la scuola alla fine delle elementari per volere del padre. I ragazzi crescono, Nello -finite le medie-va al ginnasio a Ferrara e lì viene a contatto, seppur marginalmente, con la questione della razza. Anche la signora del caviale ora non c'è più. Al suo posto il suo ex garzone, con distitivo fascista all'occhiello. Ora nella casa di Nicola arriva una sua cugina, sfollata, una bella ragazza di nome Bechi. Dopo anni di relativa tranquillità, alla fine tutto precipita: non solo Ferrara, ma anche il paese e il delta del Po vengono continuamente bombardati, in particolare dopo l'8 settembre. Nello diventa amico di un compagno di classe, figlio di un comunista, che assieme al fratello si aggiunge ai partigiani. L'ultimo giorno di guerra anche Nicola viene ucciso, non si sa da chi, mentre sta pescando uno storione, l'ultimo perchè poi gli storioni non entreranno più nel Po a deporre le loro uova. Si arriva ai nostri giorni quando Nello, ormai ottantenne, vedovo proprio di Bechi che non era cugina di Nicola, ma parente della signora del cavia

  • User Icon

    Carla

    05/02/2010 08:40:45

    Nello ha 12 anni, corre veloce sulla bici come un gregario di Bartali e va a pesca con l'amico Nicola. Attraverso i suoi occhi scorrono le vicende de La signora del caviale. Sono gli occhi ingenui e influenzati dalla propaganda fascista di un ragazzino degli anni '40 che vive nel ferrarese vicino all'argine del Po e divide le sue giornate tra la scuola, la stazione in cui abita con la madre e lo zio ferroviere, e la golena. Ha solo un cruccio, il padre "rivoluzionario" morto in Spagna che non gli ha lasciato nemmeno il cognome. E un mistero da svelare: chi è veramente il Turco, pescatore, padre di Nicola, che pare nascondere un passato ben più interessante della sua vita attuale? Poi la guerra avanza con la sua dirompente violenza e Nello cresce misurandosi col liceo a Ferrara e le leggi razziali, l'innamoramento per Bechi e l'invasione tedesca, gli espedienti della piccola comunità per sopravvivere alla miseria e i bombardamenti alleati. Un romanzo che racconta la grande Storia intrecciata alla quotidianità, piccoli eroismi e vigliaccherie, opportunismi e intraprendenza: la coerenza del Turco con le proprie scelte e la tenacia dello zio ferroviere che non abbandona mai il suo posto di lavoro, l'ambiguo casellante Remo e le capacità imprenditoriali della mamma di Nello, pronta a trasformare le donne di golena in provette pescatrici di storioni e a risollevare l'economia del paese. Il parroco che suona l'armonium su una barca in mezzo al Po per rendere più proficua la pesca, Bechi che si difende dall'orrore della guerra smettendo di parlare, Nicola che spera di sognare il cavallo bianco perché significa che pescherà lo storione della sua vita. Su tutti aleggia il ricordo della signora del caviale, elegante figura del passato di Nello: prima che la guerra travolgesse ogni cosa, con le uova di storione produceva il caviale del Po e dava di che vivere alla comunità di pescatori. La scrittura intensa e delicata, ci accompagna lungo questa storia che conquista e coinvolge, tra un sorriso e un groppo in gola.

  • User Icon

    marco

    23/01/2010 16:42:18

    ne dio ne storioni.......è un bel libro.lui lo ha titolato la signora del caviale...io l'ho letto in fretta,ne dio ne padroni, è come gioia e rivoluzione degli area...."con il suono delle dita si combatte una battaglia che ci porta sulle strade della gente che sa amare". salud

  • User Icon

    Cristina

    09/12/2009 22:07:01

    Una vera emozione per me, appassionata della tradizione ferrarese, vedere riapparire dall'oblio la Nuta, con la sua celebre bottega di delizie, e la saga dimenticata del caviale ferrarese. E poi il mondo scomparso della golena e dei pescatori quando il Po era ancora sorgente di vita e di natura e non solo un'opportunità per derivare acqua per l'irrigazione di un'agricoltura industrializzata ed una facile via di scarico dei rifiuti. Ottimo, una lettura compulsiva.

  • User Icon

    giovanni

    27/11/2009 14:42:33

    Anche questa volta, come per i suoi precedenti, Michele Marziani ha saputo produrre un romanzo di qualità, dove al suo interno, trovano spazio storia, cultura, relazioni umane, ma soprattutto: “Emezioni”. Un percorso davvero suggestivo, che attraversa su vari piani un tempo, insinuando in ognuno di noi spunti di riflessione, evocando emozioni e sentimenti pienamente condivisibili e comprensibili, in un racconto davvero prezioso e imperdibile. Giovanni Molon

  • User Icon

    Stefano

    20/11/2009 13:48:25

    E' nato un grande romanziere

  • User Icon

    Luca

    20/11/2009 10:35:00

    Libro di ottima fattura, ben scritto, redatto con sapienza, godibile fino alla fine, da leggere assolutamente

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione