-15%
La signora della porta accanto - Yewande Omotoso - copertina

La signora della porta accanto

Yewande Omotoso

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Natalia Stabilini
Editore: 66th and 2nd
Collana: Bazar
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 10 maggio 2018
Pagine: 249 p., Brossura
  • EAN: 9788832970296
Salvato in 61 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La signora della porta accanto

Yewande Omotoso

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La signora della porta accanto

Yewande Omotoso

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La signora della porta accanto

Yewande Omotoso

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Finalista del Premio Lattes Grinzane 2019.
Finalista International Dublin Literary Award 2018.
Longlist Baileys Women’s prize for fiction 2017.


«Un racconto godibilissimo, pieno di ironia e privo di sentimentalismi.» - Ilaria Zaffino, Robinson - la Repubblica

Hortensia è nera e scontrosa, Marion bianca e snob. Da quasi vent’anni vivono una accanto all’altra a Katterijn, un’enclave di una quarantina di case in un sobborgo di Città del Capo. Vent’anni di ostilità e disprezzo reciproco, di futili litigi, di «commenti maligni». Ad accomunarle è il successo ottenuto sul lavoro, in un’epoca in cui le donne in carriera erano rare: se Marion è riuscita ad aprire uno studio di architettura con più di trenta impiegati, Hortensia ha fondato un’azienda tessile diventando una «guru del design». Ormai ottantenni e fresche di vedovanza, le due «vecchiette» continuano a detestarsi apertamente finché un evento inaspettato non le costringe a una convivenza forzata. Così, tra i timidi tentativi di Marion di creare una complicità «alla Thelma & Louise» e la burbera ritrosia di Hortensia, i battibecchi quotidiani si addolciscono e i rancori si trasformano lentamente nel terreno comune tra due donne capaci di farsi strada, in modi opposti, negli anni difficili dell’apartheid. Con sguardo lieve e senza mai perdere l’ironia, Yewande Omotoso dà vita a un racconto sull’emancipazione femminile, sull’impatto del colonialismo nella società sudafricana e, soprattutto, su una materia spesso elusiva: l’amicizia.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La signora della porta accanto di Yewande Omotoso è la storia di due ottantenni, Hortensia e Marion.

Hortensia è una designer originaria di Barbados, di colore, rimasta vedova, senza figli, molto scontrosa.

Marion è una architetto di origine lituana, madre di quattro figli, snob ed “educatamente razzista”.
Due donne all’avanguardia e di successo, antesignane, proiettate in avanti e allo stesso tempo incredibilmente zavorrate da se stesse e dai propri errori.

Le due donne, dispotiche e con qualche pregiudizio di troppo, si ritrovano ad abitare vicine (una al civico 10, l’altra al 12) a Katterijn, un quartiere residenziale di Città del Capo, e spendono anni a detestarsi.

Le riunioni del comitato di quartiere sono caratterizzate dai loro dispetti e dai loro accesi diverbi.

Il marito di Marion le lascia debiti in eredità, il marito di Hortensia ben altro, con cui fare i conti.
Ma un incidente le porta a convivere per un certo periodo di tempo, tra quattro mura, costringendole a fare di necessità virtù e ad aiutarsi. Ad ascoltarsi. Ed a riconoscersi più simili di quanto potessero immaginare.

È una storia complessa e allo stesso tempo semplice. È la storia di due donne forti, arroccate, che hanno abdicato alla vita e che trovano nell’odio prima e nell’amicizia poi, una ragione di vita. Entrambe portano dentro amarezze e fallimenti che la frequentazione forzata tra quattro mura le porta ad ammettere con se stesse e reciprocamente, avvicinandosi.

È un caleidoscopio di sentimenti, quello mostrato in questo romanzo, delicato e forte.

Impariamo a conoscere queste due donne, i loro percorsi, le loro vite, i loro sogni, le loro sconfitte. La storia iniziale viene via via arricchita di tanti particolari, con salti temporali nel passato di ciascuna, si aprono tanti rivoli che spesso si torna alle prime pagine per ricordarsi chi è chi: chi è bianca, e chi è nera, chi ha figli e chi no. Le due donne nell’avanzare del racconto finiscono infatti sempre più per assomigliarsi. È come se l’antagonismo iniziale fosse alimentato dagli antagonismi singoli delle protagoniste con se stesse e che, una volta smorzati questi, l’inimicizia si ritrovasse senza linfa vitale e quindi libera di trasformarsi in amicizia.

Questa è una storia sull’invecchiare e fare pace con i fantasmi del passato, sull’amicizia, sui compromessi, sull’orgoglio e le sue conseguenze, sulla forza e la debolezza delle donne. Le stesse da secoli.

Potrebbe essere ambientato, che ne so, a Caronno Pertusella: forse risulterebbe meno poetico, ma continuerebbe a trattare di temi universali e mai come oggi attuali, con estrema delicatezza e leggera ironia.

Questo libro è per chi sta facendo un bilancio, per chi ha convinzioni granitiche, per chi pensa di non essere più in tempo, per chi ha un’armatura appesa nell’armadio.

Recensione di Patrizia Carrozza

Yewande Omotoso, scrittrice originaria delle Barbados e trasferitasi in Sudafrica con la famiglia appena finita l’Apartheid, è riuscita a creare un piccolo gioiello. Un romanzo ironico, dove le vicende personali delle protagoniste si intrecciano con il buio capitolo della storia Sudafricana, che emerge dalle trame della vita delle due anziane signore.

Hortensia e Marion sono come cane e gatto. Sono vicine di casa da vent’anni a Katterin, un altolocato sobborgo di Città del Capo - abitato solo da bianchi, fatta eccezione per Hortensia - e non si sopportano. Tra loro scorre un odio sincero e colgono ogni occasione per ferirsi e umiliarsi a vicenda. Hortensia è nera, sposata con un inglese. È una donna burbera e astiosa, con un’ironia caustica, che la rende una persona sgradevole. Ha vissuto in Inghilterra, per poi trasferirsi con il marito in Nigeria, e infine a Città del Capo. Marion è bianca, di origini ebraiche, anche se i genitori hanno fatto di tutto per cancellare ogni traccia delle loro radici. Ha vissuto l’Apartheid dalla parte privilegiata dei bianchi. È una donna snob e razzista, di quel razzismo subdolo e falso, che non mostra apertamente, ma che emerge con chiarezza dal suo atteggiamento. L’unica cosa che le accomuna è il fatto di aver entrambe fatto carriera, in un’epoca in cui non era scontato per una donna avere una vita lavorativa di successo. Hortensia è stata una celebre designer, Marion ha aperto con un socio un rinomato studio di architettura.

Ormai anziane, sono entrambe rimaste vedove, ma questo non gli impedisce di continuare a disprezzarsi, fino a quando un evento improvviso le costringe a convivere. Le due donne, che inizialmente continuano a ignorarsi e a insultarsi pur vivendo sotto lo stesso tetto, pian piano cominciano a lasciare da parte i rancori e riescono a instaurare una strana amicizia: la donna nera, arrabbiata e aggressiva, e la donna bianca razzista e ipocrita.

Gradualmente, iniziano a emergere le storie personali delle due anziane signore, le ferite che le hanno portate a essere come sono. Hortensia ha dovuto combattere sin da bambina con il colore della sua pelle e farsi strada in un mondo ostile; ha avuto un matrimonio infelice, ha dovuto sopportare un tradimento dall’uomo che amava, ma soprattutto non ha potuto avere figli. I colpi che ha ricevuto dalla vita le hanno fatto covare odio e risentimento verso il mondo intero. Marion ha avuto un’infanzia infelice, con una madre algida e severa, che l’ha soffocata con regole e limitazioni esagerate. In un certo senso è figlia dell’Apartheid, di un modo pensare che l’ha condizionata sin da bambina, che ha fatto parte della sua educazione, a cui non ha avuto la forza di opporsi. Ha avuto quattro figli ma non è stata una buona madre, e questo è uno dei suoi più grandi crucci.

Marion e Hortensia, apparentemente agli antipodi, si rivelano più simili di quello che si possa pensare: sono donne che nella vita si sono emancipate, ma a caro prezzo. La vita non gli ha risparmiato nulla e ora che sono anziane e stanche rivangano il passato, fanno i conti con il bilancio delle loro vite.

Yewande Omotoso con La signora della porta accanto è riuscita in modo magistrale a dar vita a un racconto in cui l’emancipazione femminile, le traversie della vita e l’impatto dell’apartheid e del colonialismo sulla società sudafricana si armonizzano alla perfezione in un romanzo dallo stile fresco, lieve e graffiante, ma allo stesso tempo amaro e malinconico.


Recensione di Flavia Scotti

 

  • Yewande Omotoso Cover

    Yewande Omotoso è nata nell'isola di Barbados nel 1980 e cresciuta in Nigeria. Nel 1992, appena dopo la fine della Apartheid si è trasferita in Sudafrica con la famiglia. Scrittrice, architetto e designer, ha pubblicato il suo primo libro, Bom Boy, nel 2011, aggiudicandosi il South African Literary Award per la migliore opera d'esordio. Con La Signora della porta accanto (66th and 2nd 2016), è entrata nella longlist del Baileys Women's Prize for Fiction 2017 ed è tra i finalisti dell'International Dublin Literary Award 2018. Approfondisci
Note legali