Signori e mercenari. La guerra nell'Italia del Rinascimento - Michael E. Mallett - copertina

Signori e mercenari. La guerra nell'Italia del Rinascimento

Michael E. Mallett

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: A. Princivalle
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 ottobre 2006
Pagine: 295 p., Brossura
  • EAN: 9788815114075
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 6,48

€ 12,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il Quattrocento fu un'epoca di importanti novità nell'arte della guerra. Mallett descrive il concreto funzionamento dell'organizzazione militare, dalla composizione delle compagnie ai rapporti con lo stato o il signore, dai problemi logistici e amministrativi al peso che la presenza quotidiana della guerra aveva sugli individui, le istituzioni, gli stati.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea G.

    07/07/2011 15:51:58

    Libro pregevole nonché di indispensabile lettura per chiunque sia interessato al duplice aspetto delle compagnie mercenarie e del sistema dei condottieri nell'Italia tre - quattrocentesca. Mallet ricerca sistematicamente la verità dietro ai luoghi comuni sulla presunta inefficienza militare italiana degli ultimi due secoli del medioevo, andando oltre tanto alle critiche esagerate quanto ai campanilismi, moderni e meno moderni, sul sistema delle Grandi Compagnie tipiche della nostra penisola. Con una lucida analisi dei fatti storici e del loro contesto vengono sistematicamente affrontate tutte le principali questioni, dalla radice duecentesca sulla quale il fenomeno nasce sino al tramonto tardo quattrocentesco che ne segnerà la fine. Pregevole nel contenuto quanto gradevole nella lettura. Sicuramente consigliato.

Note legali