Silas Marner

Silas Marner

George Eliot

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,45 MB
  • EAN: 9786050315271
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Silas Marner: The Weaver of Raveloe (1860) by George Eliot (Mary Anne Evans); Illustrated by Charles E. Brock., is in many respects the most admirable of all George Eliot's works.

It is not a long story, but it is a most carefully finished novel--"a perfect gem, a pure work of art," Mr. Oscar Browning describes it. Mr. Blackwood, the publisher, found it rather sombre, and George Eliot replied to him, "I hope you will not find it at all a sad story as a whole, since it sets--or is intended to set--in a strong light the remedial influences of pure, natural, human relations.

I have felt all through as if the story would have lent itself best to metrical rather than to prose fiction, especially in all that relates to the psychology of Silas; except that, under that treatment, there could not be an equal play of humour." No novel of George Eliot's has received more praise from men of letters than "Silas Marner."
  • George Eliot Cover

    George Eliot  (1819-1880) il suo vero nome era Mary Ann Evans. Educata nell’ambiente austero e provinciale di una cittadina nella campagna inglese, a vent’anni Mary Ann era una donna profondamente religiosa. A trentacinque anni, a Londra, sfida le convenzioni dell’Inghilterra vittoriana andando a vivere con George Henry Lewes senza sposarsi. Nel 1857, abbandonata la sua attività di giornalista e protetta dall’anonimato, pubblica Amos Barton. È il suo esordio come narratrice e il successo è immediato. Dopo Adam Bede (1859) e Il Mulino sulla Floss (1860, che Proust confessò di non riuscire a leggere senza piangere) scrive Jacob e suo fratello, che pubblicherà solo nel 1864, dopo Silas Marner (1861) e Romola (1862-63). Felix Holt... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali