Il silenzio degli innocenti (Blu-ray) di Jonathan Demme - Blu-ray

Il silenzio degli innocenti (Blu-ray)

The Silence of the Lambs

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Silence of the Lambs
Paese: Stati Uniti
Anno: 1991
Supporto: Blu-ray

58° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Giallo e thriller

Salvato in 1 lista dei desideri
Per catturare un serial killer che uccide e scuoia le sue vittime, l'FBI incarica una giovane agente. Il punto di partenza delle indagini è uno psichiatra rinchiuso in una prigione di massima sicurezza per aver divorato i suoi pazienti. Il film ha avuto un seguito nel 2000.
  • Produzione: MGM, 2020
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 118 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Inglese (DTS HD 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • AreaB
  • Jonathan Demme Cover

    "Propr. Robert J.D., regista statunitense. Dapprima critico cinematografico, si accosta alla professione di cineasta con R. Corman, in qualità di sceneggiatore. Esordisce nella regia con Femmine in gabbia (1974) dove emerge una già evidente originalità. L'esperienza con la New World di Corman si traduce nella direzione di altri film, e si conclude quando D. ha l'opportunità di realizzare Il segno degli Hannan (1979), un noir girato con magistrale senso del ritmo, tra commedia psicologica e thriller, con imprevedibili colpi di scena e un finale sorprendente. Il film è un sofisticato tributo al cinema di Hitchcock e rivela la vena anticonvenzionale e la grande personalità del regista che si conferma con il successivo Una volta ho incontrato un miliardario (1980), acida e dissacrante visione... Approfondisci
  • Jodie Foster Cover

    Nome d'arte di Alicia Christian F., attrice e regista statunitense. Debutta giovanissima in campagne pubblicitarie e in tv, e nel 1974 ottiene un piccolo ruolo nel film di M. Scorsese Alice non abita più qui. Due anni dopo è interprete del curioso Piccoli gangsters di A. Parker, gangster-movie con un cast interamente composto da bambini. Ma è con il ruolo della prostituta teenager Iris, redenta da R. De Niro in Taxi Driver (1976) di M. Scorsese, che il suo nome viene alla ribalta: il corpo e il volto ancora immaturi, da bimba costretta alla vita di strada, restano un'icona indimenticabile. Il primo ruolo da protagonista lo ottiene nel giallo psicologico Quella strana ragazza che abita in fondo al viale (1976) di N. Gessner, mentre nel 1977 compare in Casotto di F. Citti, tutto ambientato nella... Approfondisci
  • Anthony Hopkins Cover

    Propr. Philip A.H., attore inglese. Formatosi al Cardiff College of Drama, si unisce al National Theatre di L. Olivier dove completa la formazione d'attore teatrale classico. Lavora moltissimo alla televisione e non è restio ad accettare offerte cinematografiche di scarso rischio come trasposizioni teatrali (Amleto, 1969, di T. Richardson, Casa di bambola, 1973, di P. Garland) o colossali produzioni come Charlot (1992) di R. Attenborough. Non rifiuta nemmeno scommesse come The Elephant Man (1980), storia sul dolore e la dignità umana diretta da un D. Lynch non ancora assurto alla gloria degli altari critici. Dopo una lunga e ricca carriera ottiene una vasta popolarità con Il silenzio degli innocenti (1991, Oscar come migliore attore) di J. Demme, in cui interpreta lo psichiatra pluriomicida... Approfondisci
  • Scott Glenn Cover

    Attore statunitense. Ex marine, fa il cronista di nera, finché non si iscrive all'Actor's Studio. Se il cinema all'inizio gli offre piccoli ruoli in film importanti (uno dei militari fedeli a Kurtz in Apocalypse Now, 1979, di F.F. Coppola), si mette in luce nel 1980 con Urban Cowboy di J. Bridges, in cui interpreta il rivale di J. Travolta. Si ritaglia così una nicchia nel cinema statunitense, occasionalmente come eroe (Silverado, 1985, di L. Kasdan), più spesso come individuo dalla morale ambigua (Caccia a Ottobre Rosso, 1990, di J. McTiernan), incarnando – con il volto granitico e il fisico asciutto – personaggi taciturni e solitari, poco propensi alle relazioni sociali (il superiore di J. Foster in Il silenzio degli innocenti, 1991, di J. Demme). Approfondisci
Note legali