Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il silenzio - Don DeLillo - copertina

Il silenzio

Don DeLillo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Federica Aceto
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 25 febbraio 2021
Pagine: 112 p., Rilegato
  • EAN: 9788806248413

60° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 317 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il silenzio

Don DeLillo

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il silenzio

Don DeLillo

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il silenzio

Don DeLillo

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (16 offerte da 13,30 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All'improvviso, non annunciato, misterioso: il silenzio. La tecnologia digitale ammutolisce. Internet tace. Tutti gli schermi diventano neri. Don DeLillo ha disegnato la mappa per muoversi in questa nostra nuova era oscura.

«La sua capacità di raccontare le emozioni del tempo presente è unica. DeLillo è un genio»The New York Times

Manhattan, 2022. Una coppia è in volo verso New York, di ritorno dalla loro prima vacanza dopo la pandemia. In città, in un appartamento nell'East Side, li aspettano tre loro amici per guardare tutti insieme il Super Bowl: una professoressa di fisica in pensione, suo marito e un suo ex studente geniale e visionario. Una scena come tante, un quadro di ritrovata normalità. Poi, all'improvviso, non annunciato, misterioso: il silenzio. Tutta la tecnologia digitale ammutolisce. Internet tace. I tweet, i post, i bot spariscono. Gli schermi, tutti gli schermi, che come fantasmi ci circondano ogni momento della nostra esistenza, diventano neri. Le luci si spengono, un black-out avvolge nelle tenebre la città (o il mondo intero? Del resto come fare a saperlo?) L'aereo è costretto a un atterraggio di fortuna. E addio Super Bowl. Cosa sta succedendo? È l'inizio di una guerra, o la prima ondata di un attacco terroristico? Un incidente? O è il collasso della tecnologia su se stessa, sotto il proprio tirannico peso? È l'apparizione di un buco nero, l'aprirsi di una piega dello spazio e del tempo in cui le nostre vite scivolano inesorabilmente? Di certo c'è questo: era dai tempi di Rumore bianco che Don DeLillo non ci ricordava con tanta accecante precisione che viviamo, disperati e felici, in un mondo delilliano.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,74
di 5
Totale 19
5
5
4
2
3
2
2
3
1
7
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dana63

    18/05/2021 19:46:46

    Claustrofobico,potente,geniale. "In altri tempi,più o meno ordinari,c’era sempre qualcuno con lo sguardo perso nel propriocellulare[..]immerso,ipnotizzato, consumato dall’apparecchio[..].E adesso questi tossicodipendenti digitali non possono fare niente,i cellulari sono fuori uso".Cos'è successo?Un attacco alieno o terroristico,una guerra,un evento naturale sconvolgente,l'entrata in un’altra dimensione spazio-temporale?La gente è sconvolta:chi sta in casa e fissa lo schermo del tv nero,chi parla senza sosta né un filo logico,chi vaga nelle strade,senza dimensione,senza volontà.Tutte le certezza vengono meno.Sì,perché le certezze ormai le abbiamo affidate alla tecnologia,ad internet,ai media,al cellulare,ai social. E ora è successo qualcosa che"ha messo fuori uso la nostra tecnologia" e,in questa nuova situazione,"Dov’è la fede nell’autorità dei nostri device sicuri,delle nostre capacità di criptaggio,dei nostri tweet,dei troll,dei bot?". Esistiamo perché essi esistono,testimoni e messaggeri di ciò che accade fuori e dentro di noi.Da essi scaturiscono ed ad essi affidiamo emozioni,pensieri, certezze e dubbi,sicurezze e paure, momenti importanti o banali,vittime inconsapevoli(?)di una cieca dipendenza dal digitale.Le stesse parole non hanno più senso,più peso in questa realtà in cui il virtuale ha sostituito il reale,in questa realtà in cui il rapporto umano è sostituito dal tag, dal messaggio in chat,dal tweet.Le parole, usate ed abusate,offese e mortificate,distorte,deformate,travisate, hanno perso potenza e valore. Non si è più abituati ad ascoltare; più che essere,ė importarte mostrare e mostrarsi, raccontare e raccontarsi, indipendentemente dalla presenza o meno di orecchie che ascoltino o occhi che guardino e vedano.Non più padroni della tecnologia,ma schiavi.  "Tutto quello che sta accadendo non era in fondo scontato?[...]Era la nostra meta. Niente più meraviglia,niente più curiosità.[...]Un eccesso di cose generato da un codice sorgente troppo limitato".

  • User Icon

    Antonella Iantomasi

    09/05/2021 10:02:45

    "Noi siamo pur sempre persone, i frammenti umani di una civiltà", ma cosa accadrebbe se la nostra vita subisse una battuta d'arresto? Con notevoli doti profetiche, l'autore narra di personaggi incapaci di sfruttare il silenzio della tecnologia. Quest'ultima provoca un'assuefazione tale da obnubilare i sensi. Il silenzio è sempre più estraneo, la tragedia dell'incomunicabilità prende forma. Le frasi emergono come relitti informi e sospesi. Tutti sono incapaci di profondità. L'improvvisa assenza della consueta "realtà digitale" costringe i personaggi a considerare una prossimità altra. Si tratta davvero di una regressione storica e sociale? È l'inizio di una nuova guerra mondiale? La reazione porta a galla gli istinti, le insicurezze sempre celate e lascia attoniti. 103 pagine bastano perché tanti complessi interrogativi trovino spazio? Credo di sì, ma non credo bastino per scavare adeguatamente dentro ciascuno di essi.

  • User Icon

    Carol

    08/04/2021 20:45:04

    È il primo libro che leggo di questo autore e forse mi ero avvicinata con troppe aspettative sia per la fama di cui gode lo scrittore sia per l'attesa che si era creata intorno al libro stesso. L'inizio è intrigante, un dialogo apparentemente banale di una coppia un po' consumata, avvezza alle abitudini e idiosincrasie reciproche, che ancora però trae piacere nel parlarsi, nel raccontarsi, nello stare insieme. Poi tutto precipita (soprattutto nel senso figurato del termine) e iniziano una serie di dialoghi e situazioni banali, noiosi, flussi di coscienza che non dicono niente, non creano nessuna emozione e nessun coinvolgimento, non succede nulla e non viene detto niente di memorabile. Se l'obiettivo di DeLillo era rappresentare il nulla che ci attende nel momento in cui la tecnologia ci dovesse abbandonare tutto di un botto, spero di avere un altro libro fra le mani che questo con cui passare il tempo e allontanare l'ansia.

  • User Icon

    fabio carbone

    03/04/2021 08:43:36

    Un bicchiere di bourbon annacquato, un panino consumato velocemente senza fame. Un'idea banale stiracchiata e messa nera su bianco con fini,credo, squisitamente commerciali. Il canto del cigno di un bravo (?) scrittore. Una fregatura bella e buona.

  • User Icon

    Alberto Gallucci

    29/03/2021 12:10:25

    Nonostante le tante primavere messe insieme, DeLillo mantiene una esemplare capacità dì analisi del mondo spazio temporale che stiamo vivendo. Trovo estremamente lucida la visione di quello che resta di questa società all’indomani di ciò che viene non a torto definita “la terza guerra mondiale”: una perdita di identità , uno smarrimento, una improvvisa mancanza di rassicurazioni a cui stiamo andando inesorabilmente incontro e i cui primi effetti sono già sotto gli occhi di tutti. Basta sapersi guardare attorno

  • User Icon

    kyko69

    21/03/2021 19:25:36

    Allucinante, non ho altre parole x decriverlo, darò cmnq un'altra opportunità a questo Autore

  • User Icon

    Lorena

    18/03/2021 12:36:16

    Forse non l'ho capito, anzi, sicuramente non l'ho capito. Ma pazienza, l'importante è provarci.

  • User Icon

    Mit_98

    17/03/2021 09:53:34

    Primo testo di De Lillo che leggo. Cento pagine che scorrono veloci e che arrivano. In un 2022 ottimisticamente possibile, all'alba di una pandemia appena superata, la tecnologia diventa uno 'schermo nero' e ci si domanda "Che cosa succede a chi vive dentro quello schermo, adesso che gli apparecchi tecnologici non funzionano più?". Resta il silenzio, che fa paura e che si cerca di riempire con flussi di parole, chiacchiere che poi ci si dimenticherà. Un romanzo che senza romanticismi inutili e inappropriati definirei "a lume di candela".

  • User Icon

    Massimo Mazza

    05/03/2021 16:50:15

    Un po' spiazzato da un paio di recensioni negative, ho iniziato la lettura con grande concentrazione. Lo dico subito: è un concentrato del De Lillo che conoscevo (Rumore bianco), tuttavia non ci si può limitare a ridurre il giudizio ad un salomonico "la montagna ha partorito il topolino", tutt'altro.L' andamento frammentario della narrazione rende bene l' atmosfera di terrore ed incredulità di fronte ad eventi inattesi. La pandemia è sì un ricordo, tuttavia uno spettro ancor più nefasto sembra aleggiare sinistro sull' imperversare dei devices e dell'automazione: il blackout perpetuo. Niente più telecomandi, troll, bot, download, crollano tutte le certezze digitali. L' impotenza e lo straniamento dei personaggi è ben oggettivato, la prosa di De Lillo se ne nutre. I personaggi sono ben caratterizzati e il visionario Martin fa da contraltare alla concreta Tessa. Da questo Silenzio mi porto via due numeri: il 22 e il 7. Il 22, il prossimo anno, in cui De Lillo ci vede liberi dal coronavirus, un' inattesa iniezione di ottimismo del vecchio Don; il 7 (quel "Contare a rovescio di 7 in 7...") che in numerologia è "anche" simbolo di completezza e di solitudine, una conseguenza dell' altra, nell' affermarsi silenzioso di eventi catastrofici per l' umanità.

  • La tecnologia ammutolisce e dunque, cosa resta? La solitudine, il silenzio, l'incapacità di guardare in faccia la realtà: noi stessi.

  • User Icon

    Paola

    28/02/2021 16:21:33

    Primo libro che leggo dell'autore che leggo. Non so se ho capito quello che voleva dire/trasmettere. Non lo so

  • User Icon

    stefano

    23/02/2021 14:24:52

    Non c'e' nulla da fare. Ho dato diverse occasioni a questo autore ma non riesco a farmelo piacere. La storia avrebbe anche un suo spessore. Tuttavia cio' che non riesce a convincermi e' il linguaggio, troppo autoreferenziale e compiaciuto, i personaggi, troppo stralunati e irrealistici. Magari questi sono punti di forza per qualcuno, ma se tra autore e lettore si tratta di una sorta di innamoramento, in me non e' scattata la scintilla. Pazienza.

  • User Icon

    Giorgia

    17/02/2021 16:37:55

    Un libro incolore: non comincia, non finisce, non trasmette nulla e non suscita nessuna emozione. Inoltre, la scrittura è nevrotica. Pessimo: ho fatto fatica a finirlo nonostante fossero solo un centinaio di pagine.

  • User Icon

    Andrea Darmarios

    12/02/2021 17:57:33

    Improvvisamente tutti i congegni elettrici ed elettronici vanno fuori uso. Va via l'elettricità stessa. Cinque persone passano la notte in un appartamento facendo discorsi senza né capo né coda. Questa la sintesi del testo. Per fortuna dura soltanto un centinaio di pagine. Non avrei resistito di più. Secondo me, se si guarda oltre i paroloni, l'aspetto da romanzo sperimentale e il clima apocalittico si trovano ben poche idee. Forse nessuna.

  • User Icon

    moreno63

    08/02/2021 13:59:38

    Quando un libro induce ad una recensione che rischia di essere più lunga del libro stesso o si sente la necessità di avvisare che trattasi di libro per un lettore evoluto ...forse c'è qualcosa che non va (ovviamente nel libro)

  • User Icon

    Cristiano Cant

    08/02/2021 04:58:16

    Breve e bruciante come una mail che spegne l'anima, annienta i contatti, sottrae ad ognuno risorse e soluzioni. Tutto spento, saltato in aria, la minima salute elettronica che tanto allarga il respiro a fiumane di gente nel cammino dei giorni di colpo non dà segni di vita. Protesi defunte, supporti scomparsi, tastiere inerti, qualsiasi brandello fra l'uomo e quelle tecniche che lo affiancavano come alleate fino a ieri inaggirabili diventa un solo fungo vuoto con nulla a poterlo salvare. DeLillo in formissima, c'è ancora resina calda e vibrante nei suoi 85 tronchi. E un DeLillo quasi contento - mi arrivava questo mentre leggevo - di una possibilità simile, come un virus che cala sugli uomini a punire questa morte della parola vera, la sete dell'incontro finalmente diretto, una calamità senza scampo figlia del delegato, del filtro, del plasma, ambasciatori gelidi, legami fra due qualcosa a cui la voce non offrirà mai intonazione, varietà, calore. Radio, televisioni, telefoni, una congiura a imporre sugli uomini la necessità di un fare, DI UN ESSERE, diversi. E sarà quello che succederà. In conseguenza di questa peste, di questo coma elettronico, degli amici si raduneranno in casa e inizieranno a macinare la grana del linguaggio, spremendo filosofia e letteratura, memoria e affabulazione, come a proteggere una pelle necessaria dal marasma di una condanna. Dipendere non più da un sistema controllato da raffinati colossi persi in un Canyon, ma ritrovare e rinnovare il semplice della riflessione nel cono di una stanza condivisa. Poco forse, e tuttavia compiuto. "La tecnologia ha cambiato il nostro modo di pensare. È meno riflessivo e più istantaneo. Io non uso un cellulare perché voglio continuare a pensare in modo tradizionale". Caro Don, come darti torto. Continua a indagare fra le nostre sponde assottigliate, ormai all'osso del discorso. Arriveremo all'oasi di un silenzio forse migliore.

  • User Icon

    Sandro

    05/02/2021 15:43:24

    "A quanto pare tutti gli schermi, ovunque, si sono svuotati. Cosa ci resta da vedere, da sentire, da provare?"

  • User Icon

    Q.Z

    05/02/2021 14:13:42

    Contenuto: romanzo molto calato nell'attualità, vuoi per la pandemia vuoi per il potere esercitato dalla tecnologia sulla vita/mente umana. Tipologia lettore: evoluto.

  • User Icon

    Kien

    05/02/2021 13:37:12

    Un'idea di libro, più che un libro. Un abbozzo che, sviluppato in modo opportuno, avrebbe sicuramente avuto una presa migliore. Più che un libro, un inspiegabile "show-off" a suon di paroloni che lascia il tempo che trova.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente

L’espressione “libro più atteso” è talmente abusata da essere svuotata di ogni valore, non importa se si parla del più atteso del mese, della stagione o dell’anno: il lettore avveduto tenderà a saltarla prima ancora di lasciarla approdare nel suo campo cognitivo. Si tratta di uno svuotamento tale da rendere necessario questo stesso preambolo, così da far capire che per una volta si parla sul serio.

Tutti i libri di DeLillo appartengono per definizione alla categoria di “libro più atteso”. Anche quando, come nel caso del Silenzio, il libro non è che un racconto, sebbene impaginato e impacchettato come un libro; qualcuno potrebbe dire “novella” ma la linearità è tale da escludere anche questo genere (ove, beninteso, DeLillo ha dato il meglio di sé: si veda alla voce Body art), sebbene il respiro sia maggiore di quello dei racconti dell’Angelo esmeralda. Si fa tuttavia presto a capire che la brevità, nel Silenzio, è funzionale agli scopi del testo – e lo è anche il suo “publishing”: questo racconto, che è il racconto di quando i dispositivi, le luci, gli oggetti, forse pure i mondi, si spengono, deve stare da solo, sospeso entro sé come un ultimo segnale destinato a stemperarsi nel vuoto. Altro non si può dire o la recensione viene più lunga del libro: basterà sapere che è un capolavoro. 

Recensione di Vanni Santoni

  • Don DeLillo Cover

    Nato e cresciuto nel Bronx, allora abitato in gran parte da italoamericani, frequenta scuole cattoliche fino agli studi universitari; l'influenza degli studi cattolici traspare in molti dei suoi scritti e principalmente in Underworld (1997).Finiti gli studi, inizia a lavorare come pubblicitario e ad interessarsi di arte e musica, particolarmente al jazz e alla scrittura. Nel 1971 pubblica il suo primo romanzo, Americana, tradotto in italiano solo nel 2000. Nel 1972 pubblica End Zone e l’anno successivo Great Jones Street (tradotto in italiano nel 1997) che narra di un artista rock ritiratosi a vivere in un ambiente spoglio.Alla fine degli anni Settanta intraprende un lungo viaggio formativo in Medio Oriente e in India, successivamente si trasferisce in Grecia dove vive per tre anni e... Approfondisci
Note legali
Chiudi