Sinfonia n.29 K201 / Musica per archi percussioni e celesta

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Sandor Vegh
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Orfeo
Data di pubblicazione: 7 febbraio 2002
  • EAN: 4011790461120

€ 17,90

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
  • Bela Bartok Cover

    Compositore e pianista ungherese.L'attività di pianista e di etnomusicologo. La sua prima educazione avvenne in un ambiente familiare dominato dall'amore per la musica. Fu la madre a insegnargli i rudimenti del pianoforte; poi, nel 1893, B. intraprese a Bratislava, con L. Erkel, gli studi di composizione, che completò (1899-1903) all'Accademia musicale di Budapest. Negli anni successivi, mentre iniziava la sua intensa attività di pianista, cominciò a coltivare un appassionato interesse per il canto popolare ungherese e balcanico, dedicandosi con Kodály alla raccolta e allo studio dei suoi documenti. Insegnante di pianoforte, dal 1907, all'Accademia di Budapest, proseguì con grande successo la carriera concertistica in patria e all'estero, esibendosi spesso anche insieme alla moglie, pure pianista,... Approfondisci
  • Sandor Vegh Cover

    Violinista ungherese naturalizzato francese. Allievo di J. Hubay (violino) e di Z. Kodály (composizione), fu tra i fondatori nel 1935 del Quartetto Ungherese, che lasciò nel 1940 per fondarne uno proprio (Quartetto V.), rimasto in attività sino al 1980. Ne fecero parte S. Zóldy (secondo violino), G. Janzer (viola, sostituito nel 1978-80 da B. Giuranna) e P. Szabó (violoncello) e fu rinomato soprattutto per l'esecuzione dei cicli integrali dei quartetti di Beethoven e di Bartók. All'attività concertistica V. affiancò quella direttoriale, fra l'altro con la Camerata Accademica del Mozarteum di Salisburgo, che diresse dal 1979 (dal 1972 fu anche direttore del Mozarteum stesso). Nel 1962 fondò un proprio festival a Cervo (Imperia), dove risiedeva parte dell'anno. Approfondisci
Note legali