Sinfonia n.4

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Andreas Jakob Romberg
Direttore: Kevin Griffiths
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: CPO
Data di pubblicazione: 1 maggio 2018
  • EAN: 0761203517527

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Andreas Romberg (1767-1821): Sinfonia n. 4 op. 51 “Sinfonia alla turca” Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791): Concerto in la maggiore per violino e orchestra K.219 Franz Joseph Haydn (1732-1809): Overture L’incontro improvviso
Musica “alla turca” e l’esordio di Andreas Romberg
Quando decise di inserire nella sua Quarta Sinfonia qualche elemento stilistico turco, Andreas Romberg diede inizio all’esplorazione di un nuovo territorio musicale, che nel giro di pochi anni avrebbe conquistato i pubblici di tutte le città europee. Gli influssi arabi e orientali iniziarono a essere inseriti deliberatamente nel repertorio sinfonico solo durante il Tardo Romanticismo, con la famosissima Sheherazade (1888) di Nikolai Rimsky-Korsakov e la Maurische Rhapsodie (1898) di Engelbert Humperdinck. Per il primo movimento della sua sinfonia Romberg utilizzò il titolo “A la turca”, in modo da preparare il pubblico a un’esplosione di sonorità esotiche. L’introduzione della parte iniziale assume un vigore sempre maggiore, sfociando in una sezione che vede grandi protagonisti gli strumenti a percussione turchi e le sinuose figurazioni dei violini. Il Concerto in la maggiore per violino e orchestra K.219 di Wolfgang Amadeus Mozart, ultima opera di questo genere scritta dal grande compositore salisburghese, è un altro brano da concerto caratterizzato da evidenti sonorità turchesche. Il Rondò conclusivo comprende il famoso interludio in la minore, con i violoncelli e i contrabbassi che scandiscono il ritmo picchiando gli archetti sulle corde, un fatto che contribuisce a evocare la famosa atmosfera “alla turca”. La solista di questo disco è la giovane e promettentissima violinista svizzera Julia Schröder e anche nella rapida sezione centrale dell’ouverture di Franz Joseph Haydn si avverte un inconfondibile ritmo “turco”, che viene ulteriormente accentuato non solo dai timpani, ma anche dalla grancassa e dai piatti. Questo disco segna anche l’avvio dell’integrale delle sinfonie di Andreas Romberg.
  • Andreas Jakob Romberg Cover

    Violinista e compositore tedesco. Si esibì in pubblico fin dalla più tenera età insieme col cugino, il violoncellista Bernhard R.; con lui, dal 1793 al 1815, risiedette ad Amburgo. In seguito divenne maestro di cappella della corte di Gotha. Compose alcune sinfonie, circa 30 concerti o doppi concerti violinistici, numerosi quartetti per archi e altra musica da camera, in uno stile influenzato dai modelli di Haydn e di Mozart. Assai celebri e diffusi furono anche i suoi Lieder per voce o coro, su testi dei principali poeti tedeschi del tempo. Nel 1796 tenne a Vienna un concerto con Beethoven e il cugino alla presenza di Haydn. Approfondisci
Note legali