Sinfonie n.2, n.3 - Danze polovesiane

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Georg Solti
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Decca
  • EAN: 0028946748220

€ 6,90

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,90 €)

Disco 1
1
Overture Prince Igor
2
1. Allegro
3
2. Scherzo: Prestissimo - Allegretto
4
3. Andante
5
4. Finale: Allegro
6
1. Moderato assai
7
2. Scherzo (Vivo - moderato)
8
Polovtsian Dances and Chorus
  • Alexander Porfirevic Borodin Cover

    Compositore russo. Figlio naturale di un principe georgiano e di una giovane donna della borghesia pietroburghese, fu iscritto nei registri, secondo l'uso russo, come figlio di un servo del padre, Porfirij Borodin. Imparò da solo a suonare il flauto, il pianoforte, il violoncello e l'oboe. A nove anni componeva già alcuni pezzi caratteristici e intorno ai tredici un trio per due violini e violoncello su un tema di Roberto il diavolo di Meyerbeer. La madre, alla quale era affidata la sua educazione, l'indusse a laurearsi in medicina. Dopo un soggiorno a Heidelberg, dove perfezionò i suoi studi di chimica col celebre scienziato Mendeleev, fu assunto all'ospedale dell'esercito territoriale: lì incontrò per la prima volta Musorgskij; il secondo incontro avvenne nel 1859, in casa di amici comuni.... Approfondisci
  • Georg Solti Cover

    Direttore d'orchestra ungherese naturalizzato inglese. Allievo di Kodály, iniziò la carriera nel campo operistico come direttore musicale dell'Opera di Monaco, poi di Francoforte e dal 1961 al '71 della Royal Opera (Covent Garden) di Londra, con un repertorio comprendente la quasi totalità delle opere di Mozart, Verdi, Wagner e R. Strauss (anche in disco e in video). In seguito si dedicò anche al repertorio sinfonico, alla guida della Chicago Symphony (1969-90) e della Filarmonica di Londra (1977-83). Dal 1992 fu direttore artistico del Festival di Primavera di Salisburgo. Interprete di forte temperamento, si fece via via più duttile e disteso pur mantenendo intatta la sua forza comunicativa; raggiunse esiti memorabili in Wagner e Strauss e, in campo sinfonico, in Beethoven e Mahler. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali