Sinfonie per archi (Integrale) - CD Audio di Alessandro Stradella

Sinfonie per archi (Integrale)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Alessandro Stradella
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 10 novembre 2015
  • EAN: 5028421951423
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sinfonie nn.1-9
Grazie all'impegno di Francesco Cera, figura di riferimento per la musica antica in Italia e nel catalogo Brilliant, arriva la prima registrazione delle Sinfonie per archi di Alessandro Stradella. Figura affascinante del Barocco italiano, la sua musica è in certo modo avventurosa come la sua vita di aristocratico rubacuori, tragicamente assassinato da un rivale. Gli improvvisi cambiamenti di umore e l'espressione di profonde emozioni rendono le sue Sinfonie il lavoro di un genio drammatico.

Allievo di Luigi Ferdinando Tagliavini e di Gustav Leonhardt, il bolognese Francesco Cera è considerato uno dei più ispirati interpreti del repertorio barocco, che esegue sia come cembalista e organista sia come direttore dell’Ensemble Arte Musica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alessandro Stradella Cover

    Compositore. Era figlio di un gentiluomo lombardo o emiliano e di una nobile modenese trasferitisi a Roma nel 1644. Rimase orfano intorno al 1655 e non si sa con certezza con quali maestri abbia studiato. Al 1663 risale la prima composizione a noi nota, scritta al tempo del servizio prestato presso Cristina di Svezia. Passato, l'anno successivo, al servizio dei Colonna, con vari spostamenti a Venezia, Firenze e Vienna per organizzare rappresentazioni di propri lavori teatrali, incominciò quella vita avventurosa che doveva renderlo quasi leggendario. Coinvolto in scandali di natura amministrativa, nel 1677 fuggì da Roma, rifugiandosi con l'amante, moglie d'un notabile veneziano, a Torino. Qui fu raggiunto da due sicari che lo accoltellarono; salvatosi, dovette riparare, nonostante la protezione... Approfondisci
Note legali