Sir Walter Scott and the Border Minstrelsy

Sir Walter Scott and the Border Minstrelsy

Andrew Lang

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,81 MB
  • EAN: 9786050400663
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Persons not much interested in, or cognisant of, “antiquarian old womanries,” as Sir Walter called them, may ask “what all the pother is about,” in this little tractate. On my side it is “about” the veracity of Sir Walter Scott. He has been suspected of helping to compose, and of issuing as a genuine antique, a ballad, Auld Maitland. He also wrote about the ballad, as a thing obtained from recitation, to two friends and fellow-antiquaries. If to Scott’s knowledge it was a modern imitation, Sir Walter deliberately lied.
He did not: he did obtain the whole ballad from Hogg, who got it from recitation—as I believe, and try to prove, and as Scott certainly believed. The facts in the case exist in published works, and in manuscript letters of Ritson to Scott, and Hogg to Scott, and in the original copy of the song, with a note by Hogg to Laidlaw. If we are interested in the truth about the matter, we ought at least to read the very accessible material before bringing charges against the Sheriff and the Shepherd of Ettrick.
  • Andrew Lang Cover

    (Selkirk 1844 - Banchory 1912) scrittore scozzese. Autore di notevoli lavori nel campo del mito, del folclore e della fiabistica, è noto anche per i suoi studi su Omero. La sua traduzione in prosa dell’Odissea (1879) e dell’Iliade (1883) è ancora diffusa nel mondo anglosassone. Raccolse un prezioso e celebre repertorio di fiabe nei dodici volumi che vanno dal Libro azzurro delle fate (The blue fairy book, 1889) al Libro lilla delle fate (The lilac fairy book, 1910). Scrisse egli stesso alcune fiabe come Il principe Prigio (Prince Prigio, 1889) e Il principe Riccardo di Pantuflia (Prince Ricardo of Pantouflia, 1893), tra le migliori dell’epoca vittoriana. Delle altre opere di L. si ricordano: Mito, rito e religione (Myth, ritual and religion, 1887), la Storia della Scozia (History of Scotland,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali