Socrate al caffè. Come la filosofia può insegnarci, con semplicità e soddisfazione, a capire noi e il mondo

Marc Sautet

Traduttore: M. Lia
Editore: TEA
Collana: Saggistica TEA
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 3 maggio 2007
Pagine: 330 p., Brossura
  • EAN: 9788850204021
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Dal 1992 tutte le domeniche al Cafè des Phares di Parigi, il filosofo Marc Sautet anima un dibattito a cui può partecipare chiunque. Si tratta di un momento speciale in cui la filosofia ritrova la sua dimensione più antica per rispondere ai problemi dell'uomo con un linguaggio accessibile a tutti. Non lontano da lì, lo Studio di flosofia di Sautet è aperto a chiunque chieda consultazioni. È così che da qualche anno nella capitale francese l'antica pratica del filosofare torna ad essere lo strumento per affrontare il quotidiano, per riflettere sullo Stato, sulla giustizia, sulla violenza, sulla condizione umana. In questo libro il filosofo ci invita a seguirlo lungo un cammino che ripercorre la storia della cultura occidentale.

€ 7,31

€ 8,60

Risparmi € 1,29 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    grant

    03/06/2015 20:38:04

    Questo saggio di Marc Sautet, si colloca nella corrente delle pratiche filosofiche, in special modo quella che si chiama Cafè philo, in cui un filosofo dialoga con differenti persone su questioni che interessano a questi. Il cafè philo è una pratica filosofica fondata dal filosofo francese Marc Sautet, che si accorse che la filosofia doveva tornare alle proprie origini quelle dell'agorà, nel senso di un ritorno al pensiero antico, che aveva nella figura del filosofo greco, Socrate, il suo maestro elettivo.

  • User Icon

    Tullio Pascoli

    07/01/2010 19:12:25

    Il libro m’era stato suggerito da un apprezzato conoscente; purtroppo, ammetto di esserne deluso. Se avessi immaginato che si trattava del solito vano encomio del vecchio e superato ideale socialista, con tante letture che ho da leggere non avrei perso tempo. Già, l’autore inizia a descrivere gli incontri al caffè; poi se ne dimentica del tutto. Né dissimula la sua fede nello storicismo; infatti, pretende fare una lettura del presente sulla falsariga dell’esperienza maturata dalla democrazia ateniese. Coglie l’opportunità per esaltare Platone ed ogni tanto anche Hegel. Poi procede, riassumendo l’evoluzione del pensiero liberale; allude agli “apparenti” successi dell’economia di mercato ed analizza gli equivoci di Adam Smith, per subito passare a generose lodi a Marx, pur condannando Stalin. Certo, non può indicare alcun successo di altri modelli socialisti, così, dal conto delle sirene sembra scivolare verso una sorta di canto del cigno del socialismo. Da buon nostalgico si ostina sugli “equivoci” di Smith, mettendo in evidenza le profezie di Marx. Non un solo commento sulle note confutazioni di L. von Mises, di A.F. von Hayek e senza un’unica allusione a Popper che ha ridotto male le figure di Platone, Hegel e Marx. Poi presenta David Ricado come un liberale pentito, mentre era un noto ed acerrimo laburista le cui teorie e rispettivi disastri saranno riparati dalla ignorata dama di ferro Thatcher. Doppia delusione, all’epilogo, nell’augurio di trovarci almeno un modesto spiraglio di speranza; concludo quindi che si tratta del solito elogio all’equivoca dottrina egualitaria, tutta condizionata da un pessimismo congenito dove il militante non può che convincersi delle proprie teorie, guidato dal solito principio secondo cui bisogna CREDERE PER VEDERE, mentre il liberale, solitamente un po’ più umile, non sostiene di sapere, anzi, nelle sue incertezze, si lascia orientare dai dubbi: sa che sbagliando, potrà correggere la rotta; infatti, egli non segue la teoria, ma pragmaticamente aspetta di VEDERE PER CREDERE.

  • User Icon

    marco

    26/10/2009 19:36:25

    Questo libro è parecchio strano... ho avuto spesso la sensazione che l'autore saltasse da un argomento ad un altro senza una relativa motivazione. Il filo conduttore del libro, ovvero il ritrovo al caffè per parlare di filosofia, viene perso senza spiegazione a metà e non farà mai più ritorno. Ripeto la sensazione è di ritrovarsi spesso in mano non lo stesso libro ma più libri diversi. Devo anche dire però di essermi avvicinato parecchio alla filosofia grazie a questo libro.... anche perchè un pourpuri di questo genere scatena sicuramente la curiosità di qualsiasi mente attiva. Un 3/5 più che meritato. Ma non lo ricomprerei...

Scrivi una recensione