Soil

Soil

Émile Zola

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Skyline
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,84 MB
  • EAN: 9788827502914

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

That morning Jean, with a seed-bag of blue linen tied round his waist, held its mouth open with his left hand, while with his right, at every three steps, he drew forth a handful of corn, and flung it broadcast. The rich soil clung to his heavy shoes, which left holes in the ground, as his body lurched regularly from side to side; and each time he threw you saw, amid the ever-flying yellow seed, the gleam of two red stripes on the sleeve of the old regimental jacket he was wearing out. He strode forward in solitary state; and behind him, to bury the grain, there slowly came a harrow, to which were harnessed two horses, driven by a waggoner, who cracked his whip over their ears in long, regular sweeps.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Émile Zola Cover

    (Parigi 1840-1902) scrittore francese. Rimase presto orfano e trascorse l’infanzia e la giovinezza in gravi ristrettezze economiche. Prima di raggiungere il successo con i suoi romanzi, visse lavorando presso la casa editrice Hachette e facendo il giornalista, attività che non abbandonò mai del tutto. Considerato il caposcuola del naturalismo, fu al centro di numerose polemiche artistiche, impegnandosi, tra l’altro, nella difesa di Manet e degli impressionisti (I miei odii, Mes haines, 1866). Ma l’avvenimento più clamoroso della sua vita è legato al caso Dreyfus: Z., schieratosi con gli innocentisti, denunciò il complotto militarista e reazionario con la famosa lettera aperta (J’accuse) pubblicata su «L’Aurore» (1898).... Approfondisci
Note legali