Solamente nero

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Antonio Bido
Paese: Italia
Anno: 1978
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 9,99 €)

Un giovane docente universitario cerca di indagare sulla provenienza delle lettere minatorie indirizzate al fratello parroco. Rimarrà coinvolto in una serie di morti misteriose che lo porteranno verso la verità.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    HULK

    09/05/2006 15:06:23

    Dopo il successo del gatto con gli occhi di giada, Bido ebbe carta bianca, confeziona questo capolavoro, una Venezia invernale, sempre molto cinematografica, tempi lenti, interpreti notevoli. Un triller al quale Nicholas Roeg deve qualche cosa e non solo lui.

  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2006
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: interviste: intervista al regista; biografie: biografia del regista e degli interpreti principali
  • Stefania Casini Cover

    Attrice e regista italiana. Dopo gli studi in architettura si dedica al teatro e al cabaret facendo esperienza di recitazione anche negli sceneggiati televisivi. Esordisce sul grande schermo nel 1970 interpretando la contegnosa ragazza di cui si innamora G. Morandi in Le castagne sono buone di P. Germi. La sua carriera prosegue con diversi altri ruoli, per quanto non da protagonista, in film prestigiosi come Novecento (1976) di B. Bertolucci, Suspiria (1977) di D. Argento, Ciao maschio (1978) di M. Ferreri, Il ventre dell'architetto (1987) di P. Greenaway. Da regista firma Lontano da dove (1983) con la coregia di F. Marciano e Paradiso di bugie (1996). Approfondisci
  • Lino Capolicchio Cover

    Attore e regista italiano. Esordisce nel 1968 in Escalation di R. Faenza, ma il primo ruolo di grande spessore è quello di Giorgio in Il giardino dei Finzi Contini (1971) di V. De Sica. Molto attivo negli anni '70, costruisce una maschera attoriale in cui si mescolano la timidezza e il disagio interiore. Recita spesso con P. Avati (da La casa dalle finestre che ridono, 1976, fino a Fratelli e sorelle, 1991) diradando progressivamente le apparizioni. Nel 1995 dirige il suo primo film, Pugili, seguito nel 2002 dal Diario di Matilde Manzoni. Approfondisci
Note legali