Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Solitudini condivise. Esperienze cliniche in psicoanalisi - Simone Maschietto - copertina

Solitudini condivise. Esperienze cliniche in psicoanalisi

Simone Maschietto

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Franco Angeli
Collana: Gli sguardi
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 27 febbraio 2020
Tipo: Libro universitario
Pagine: 108 p.
  • EAN: 9788891799296
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

spinner

Disponibile in 20 gg lavorativi

Solo 2 copie disponibili

+ 15,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 16,00

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Solitudini condivise" è un libro coraggioso perché racconta esperienze cliniche in cui il paziente a suo modo cerca di fare comprendere all'analista il proprio senso di solitudine per integrarlo e renderlo più tollerabile. In quest'ottica condividere non significa rassicurare empaticamente il paziente ma sostenerlo verso l'antica esortazione greca di "conoscere sé stessi", cioè non temere nulla di Sé, nemmeno il nucleo più oscuro. Il vissuto di solitudine caratterizza da sempre l'esistenza umana. Nel corso degli anni l'uomo ha sempre cercato comprenderne la complessità e di attribuirvi un significato. Questo libro si propone di affrontare la solitudine dal punto di vista psicoanalitico, con uno sguardo reciproco tra paziente e analista. La capacità creativa di stare solo dipende da un adeguato processo di separazione-individuazione dalle figure genitoriali (che comporta inevitabilmente il lavoro psicologico del lutto) e da una buona capacità mentale di simbolizzazione. Invece, la difficoltà, più o meno acuta, di tollerare la propria condizione esistenziale di solitudine è legata alle diverse situazioni sia di deficit sia di conflitto con l'ambiente umano di crescita. L'autore ha l'intuizione di esplorare i diversi vissuti di solitudine e di vuoto che caratterizzano le differenti tipologie psicopatologiche: il senso di solitudine del nevrotico viene mostrato e indagato nella sua diversità rispetto quello del narcisista, del borderline, dello psicotico.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Indice
Secondo Giacobbi, Prefazione
Introduzione
La solitudine di oggi
(La solitudine "benevola"; La solitudine "malevola"; Il ruolo dell'affettività; Il sogno come tentativo di lenire la solitudine: presa di contatto con se stessi)
Psicoanalisi e solitudine
(Il dilemma dell'Essere tra intrapsichico e interpsichico: questo è il problema; Nella stanza d'analisi: il luogo della solitudine e dei transfert)
La solitudine negli stati psichici gravi
(La solitudine nello psicotico; La solitudine del paziente psicotico in Istituzione; La solitudine negli stati borderline)
La solitudine nelle organizzazioni narcisistiche
(La ricerca narcisistica di Sé: una ricerca che dura tutta la vita; Il narcisismo nelle sue forme patologiche di personalità; Anime imprigionate nel narcisismo patologico; I giochi perversi/narcisistici come negazione della propria solitudine e della propria separatezza)
La solitudine nel nevrotico
(La nevrosi impedisce che una persona sappia lavorare e amare; C'è adattamento, ma qualcosa non torna...; Ho seguito i dettami famigliari, ma i conti non tornano...)
La solitudine nella depressione
(Il vissuto depressivo; Anime avvolte nella depressione: ombre e luci)
La solitudine nell'analista
(Voglio tutto subito altrimenti ti lascio; La saggezza ha il suo fascino, anche se ci vuole tempo per raggiungerla; Continuare a sognare per sentirci esseri viventi)
Antonello Correale, Postfazione
Bibliografia.
Note legali
Chiudi