Sonate per pianoforte op.109, op.110, op.111 / Studio n.2 op.8 - CD Audio di Ludwig van Beethoven,Alexander Nikolayevich Scriabin,Maria Perrotta

Sonate per pianoforte op.109, op.110, op.111 / Studio n.2 op.8

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Universal Classic
Data di pubblicazione: 20 settembre 2013
  • EAN: 0028948105755

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella lista dei desideri di 1 persona

Disco 1
1
1. Vivace, ma non troppo - Adagio espressivo - Tempo I
2
2. Prestissimo
3
3. Gesangvoll, mit innigster Empfindung (Andante molto cantabile ed espressivo)
4
1. Moderato cantabile molto espressivo
5
2. Allegro molto
6
3a. Adagio ma non troppo
7
4. Fuga (Allegro ma non troppo)
8
1. Maestoso - Allegro con brio ed appassionato
9
2. Arietta (Adagio molto semplice e cantabile)
10
Original Version
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Eduardo Genovese

    07/11/2013 18:40:05

    La Perrotta è certamente un'ottima pianista:tecnica impeccabile (si noti come risolve i passaggi più concitati del primo mov. della 111);una varia gamma di colori (primo mov. della 109).Ma è qualcosa in più:un'ottima interprete:ha una "visione",portata avanti con coerenza.Tra chi professa una aderenza estrema al testo e chi predilige una "rilettura" personale,"dove si colloca" Perrotta?Per capirlo ho confrontato questo disco con esecuzioni di Schnabel (cultore dell'aderenza al testo) e Richter (un interprete spesso molto "personale"):concludo che Perrotta sta nel giusto mezzo;è "personale",ma segue un'ottica per certi versi più corretta che Richter.Nei poderosi accordi del primo mov. della 109 Richter ha degli "eccessi" non presenti in Perrotta; qui Richter "proietta" Beethoven in un'estetica più russa che da Vienna di inizio ottocento.L'interpretazione della Perrotta è più "romantica";Richter nella 110 non mostra quegli indugi,il respiro di certe frasi, quell'uso del rubato che in Perrotta incantano.Così, paradossalmente,Richter colloca Beethoven un po' nella piena "classicità" e un po' in un immaginario novecento russo.La Perrotta non è "impersonale":fa una scelta,che a sua volta discende da quella "visione" interpretativa di cui parlavo prima:collocare l'ultimo Beethoven agli albori del romanticismo.E persegue costantemente questa visione,senza deviazioni.Nella seconda variazione dell'ultimo mov. della 109 introduce un "pizzico di alone" in più rispetto a Richter che è più aderente al testo (lo deduco dall'ascolto di Schnabel),ma Perrotta vuole essere coerente con una visione di un Beethoven proto-romantico:più spesso troviamo tempi più distesi per far "cantare" la melodia,un più accentuato "sfasamento" tra mano destra e sinistra ecc.Richter e Perrotta sono due pianisti che "interpretano",ma mentre Richter mette se stesso nella musica,la Perrotta "pensa" il compositore in una certa ottica,e poi ci "spiega" quella ottica, riuscendo nel frattempo a commuovere

  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
  • Alexander Nikolayevich Scriabin Cover

    Compositore e pianista russo.La vita e l'attitudine «visionaria». Allievo, fra altri, di A.S. Taneev e A.S.?Arenskij al conservatorio di Mosca, subì, con la sua sensibilità febbrile e incline a tormentate visioni del mondo, il fascino delle esperienze mistiche ed estatiche del decadentismo letterario russo, in particolare del poeta-filosofo Merezkovskij. Dal 1892, grazie all'appoggio dell'editore Beljaev, intraprese una serie di brillanti tournées in Europa, dedicandosi alla composizione e soggiornando in Svizzera, a Parigi, a Genova e negli usa, ovunque applaudito interprete delle proprie musiche. Nel 1908-10 fu a Bruxelles, dove frequentò circoli esoterici e teosofici; a questo periodo risale il Prometeo (Poema del fuoco), che non è il suo miglior lavoro, ma è certo il più allucinato, nel... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali