Sonate per viola da gamba - Vinile LP di Johann Sebastian Bach

Sonate per viola da gamba

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Analogphonic
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2018
  • EAN: 8803581787030

€ 48,90

Punti Premium: 49

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Bylsma e Van Asperen sono, come logico attendersi da due artisti di questa caratura, entrambi apprezzabili sotto tutti gli aspetti. Bylsma trae sonorità molto affascinanti dal suo strumento, riuscendo in molte occasione a suscitare una profonda commozione. L’interpretazione di questi solisti di grande talento appare estremamente affascinante e alle tre opere del sommo Cantor lipsiense si aggiunge una delle due sonate per violoncello di Johann Christoph Friedrich Bach giunte fino ai giorni nostri, un’opera di gradevolissimo ascolto. Si tratta di un brano privo di contenuti particolarmente profondi, ma scritto in uno stile brillante ed eseguito in una maniera assolutamente impeccabile. Bylsma si conferma un vero poeta […] e Bob van Asperen dimostra di essere un partner sensibile e dotato di molto buon gusto e la qualità sonora è davvero eccellente» (Gramophone).
Contiene:
Johann Sebastian Bach (1685-1750): Sonata in sol maggiore per viola da gamba e clavicembalo BWV 1027; Sonata in re maggiore per viola da gamba e clavicembalo BWV 1028; Sonata in sol minore per viola da gamba e clavicembalo BWV 1029 Johann Christoph Friedrich Bach (1732-1795): Sonata in la maggiore per viola da gamba e clavicembalo (Musikalisches Vielerley)
  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali