Sonate per violino - SuperAudio CD ibrido di Richard Strauss,César Franck,Arabella Steinbacher

Sonate per violino

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: SuperAudio CD ibrido
Numero supporti: 1
Etichetta: Pentatone
Data di pubblicazione: 25 luglio 2014
  • EAN: 0827949047060

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


La giovane violinista tedesca Arabella Steinbacher – la cui registrazione dei concerti per violino e orchestra di Mozart è stata premiata di recente con l’Editor’s Choice di Gramophone – e il pianista Robert Kulek proseguono il loro viaggio nel repertorio cameristico romantico con un nuovo disco che abbina la Sonata in La maggiore di César Franck alla Sonata op.18 di Richard Strauss. Mentre la sonata di Franck presenta un carattere epico, quella di Strauss è pervasa da una incontenibile energia giovanile, un coinvolgente ottimismo e diversi spunti innovativi. Questo insieme di elementi dimostra meglio di qualunque parola la straordinaria intesa che unisce la Steinbacher e Kulek, un fatto che è apparso evidente a tutti coloro che nel corso degli ultimi anni hanno assistito ai loro concerti. Inutile dire che entrambi i protagonisti di questo disco possiedono una tecnica assolutamente irreprensibile. In particolare, la Steinbacher sfoggia un approccio al tempo stesso fiero e delicato, che può essere apprezzato pienamente nella vigorosa sonata di Franck, mentre Kulek si mette in luce con un intonazione impeccabile, tempi perfettamente calibrati e un’ampia escursione dinamica. Da parte sua, la Steinbacher esegue la sua parte senza personalismi fini a se stessi ed evitando di porsi troppo in primo piano sul pianoforte. Per quanto apprezzabile possa essere l’interpretazione dei due solisti, non è possibile sottovalutare il ruolo ricoperto dai tecnici del suono della Polyhymnia, da sempre partner della Pentatone, che sono riusciti a esaltare al massimo grado la ricca tavolozza sonora di queste opere con una resa sonora di incredibile realismo.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Richard Strauss Cover

    Compositore tedesco.La formazione e gli inizi della carriera. Il padre Joseph, era primo corno nell'orchestra del Teatro di Corte di Monaco, e abile nel suonare molti altri strumenti, soprattutto la viola. La madre, Josephine Pschorr, apparteneva a un'agiata famiglia di produttori di birra. Sin dall'infanzia S. rivelò il suo talento e cominciò a comporre, a partire dall'ingenua ma ironica Schneiderpolka (Polka del sarto, 1870) per pianoforte, pagine pianistiche, Lieder, brevi pezzi cameristici. Nell'adolescenza scrisse due sinfonie (le uniche, in tutta la sua vita), un concerto per corno, uno per violino, oltre a composizioni da camera di crescente complessità: un quartetto per archi, una sonata per violoncello e pianoforte, una per violino e pianoforte. La sua Serenade op. 7, scritta a diciassette... Approfondisci
  • César Franck Cover

    Compositore e organista francese di origine belga. Studiò, con A. Reicha ed altri, a Parigi, dove si stabilì svolgendo dapprima attività di insegnante, poi, dal 1846, di organista in varie chiese e infine, dal 1872, di professore di organo al conservatorio, avendo tra i suoi allievi d'Indy e, fugacemente, il giovane Debussy. Nel 1871 fu tra i fondatori della Société nationale de musique. Attivo anche come concertista, fu considerato uno dei maggiori organisti del suo tempo, mentre vide riconosciuto il suo valore creativo solo negli ultimi anni di vita. Compositore non particolarmente prolifico (il catalogo della sua produzione supera di poco le cento composizioni), predilesse il genere cameristico. Tentò il teatro lirico senza grande successo con Hulda (1882-85), mentre nel campo sinfonico-corale... Approfondisci
Note legali