La spada di Shannara

Terry Brooks

Traduttore: S. Stefani
Editore: Mondadori
Anno edizione: 1993
Formato: Tascabile
Pagine: 616 p.
  • EAN: 9788804376552
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,94

€ 11,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vaarth

    07/02/2016 22:12:42

    Primo storico romanzo della fortunata saga scritto da Brooks. Lo stile fluido e facile da leggere si accompagna a una trama ultraclassica, ma avvincente. Alcuni personaggi sono molto riusciti, altri un po' meno e l'ambientazione è buona, anche se un po' ridotta. Nel complesso un buon romanzo. Chi ha letto Tolkien non può non notare delle pesanti somiglianze nelle caratteristiche del gruppo di personaggi, anche se poi la storia si differenzia parecchio. Interessante l'idea di fondo, ossia l'altrove fantasy di Brooks altro non è che il nostro mondo futuro.

  • User Icon

    David Moretti

    12/12/2015 00:29:29

    Un libro scialbo, scritto senza stile, privo di trama e di passione, tradotto anche peggio. Non riesco a spiegarmi la fama di questa saga e di Terry Brooks come scrittore. Non parlerò della similitudine con LOTR. Semplicemente, ci sono migliaia di libri fantasy di gran lunga migliori di questa carta straccia. Da evitare come la peste!!!

  • User Icon

    Renzo

    28/03/2014 00:01:55

    È stato uno dei miei primissimi libri... valore sentimentale: infinito. Acquisto casuale rivelatosi indovinato, tanto da leggere tutti i libri a seguire (il primo re di shannara, le pietre magiche e la canzone di shannara ed il ciclo degli eredi di shannara). Trama avvincente e coinvolgente, l'unica pecca, la descrizione troppo superficiale di alcuni dei personaggi principali. Per molto tempo l'ho considerato uno dei libri più belli da me letti. Diciamo che il presunto plagio della trilogia di Tolkien, alla fine è relativo. Okay, le idee di base sono quelle, ma storia, personaggi ecc alla fine si sviluppano per conto loro. Da leggere

  • User Icon

    Angela

    08/01/2014 23:28:19

    Il fatto che questo libro abbia una traccia di base uguale a quella del Signore degli Anelli, non mi sembra rilevante. Considerando che questo è il primo romanzo dell'autore, direi che è un lavoro notevole. Ha creato un mondo coerente e con un retroscena dettagliato e credibile, e lo stile, anche se ancora "grezzo", non ha le enormi pecche che avranno altri suoi romanzi futuri scritti con evidente meno impegno (tipo i primi di Landover). Bei paesaggi; personaggi non originalissimi ma che hanno conquistato la mia simpatia. Fin dall'inizio l'autore tocca il tema dell'opposizione isolazionismo/cosmopolitismo, ma con un Brooks più esperto sappiamo che il tema avrebbe dato di più. Buona la maturazione di Menion, almeno fino all'incontro con Shirl: lei è parte integrante della sua maturazione, ma alcune tra le prime storie d'amore dell'autore tendono a essere raccontate in maniera un po' scialba, oppure a concentrarsi tanto su se stesse che il carattere del singolo personaggio sembra essere dimenticato. Da un giorno all'altro Menion è quasi un altro: il non poter vivere senza di lei lo stravolge per bene. La maturazione di Shea e Flick invece è trattata abbastanza bene. Durin e Dayel, mi dispiace, ma non mi hanno fatto molto effetto. Lo consiglio, sempre ricordando che pur mancando di originalità nei temi, è davvero buono come primo romanzo, si lascia leggere e non lascia delusi.

  • User Icon

    Marino Degani

    28/08/2013 11:29:33

    Ho letto per la prima volta il libro ben prima dell'uscita del Signore degli Anelli e quando uscì ricordo la sorpresa che ebbi nel leggere un libro di fantasy che fin dalle prime pagine sapeva incuriosirti e ti trascinava in un mondo fatto di storie diverse e poi non così lontane dalle proprie fantasie e desideri. ho letto tutti i suoi libri e il bello che mi fanno tutti ricordare il primo e senza saperlo sono diventato un loro personaggio in grado di poter prevedere mosse e trama. Esagerato? Scontato? semplicemente piacevole

  • User Icon

    Simone

    22/03/2013 12:49:00

    Concordo con gli ultimi commenti, libro molto somigliante al Signore degli anelli, nella parte centrale un pò noioso ma decisamente con un bel finale... leggerò il seguito.

  • User Icon

    Faby

    11/07/2012 14:35:16

    Un po troppo scopiazzato da "Il signore degli anelli", alcune parti sembrano davvero fotocopiate. Nonostante questo lo consiglio, è scritto bene e apre una saga che a mio parere merita (gli altri sono decisamente più originali!).

  • User Icon

    Giovanni

    05/01/2012 16:11:20

    La spada di Shannara è stata scritta da Brooks negli anni 70 e l'ho letto all'uscita quando ne avevo 16. E' un libro per ragazzi. Inesto anche se superficiale nell'espessione dei sentimenti e delle sensazione dei protagonisti. Si sente la somiglianza con Tolkien che ho letto solo 15 anni dopo ma il signore degli Anelli ha fodato un genere letterario e chi scrive Fantasy quasi sempre se ne è ispirato. La narrazione su piu' fronti contemporaneamente è ad un livello sufficente ma non apprezzabile. Perchè leggerlo?: Lo stile è scorrevole, diretto, a volte essenziale, ed ho sempre trovato memorabili le descizioni delle battaglie fatte da Brooks.

  • User Icon

    armando

    02/01/2012 11:50:59

    Il primo volume di una delle migliori saghe fantasy in circolazione.Le somiglianze con "Il Signore degli Anelli",capolavoro del genere,sono innegabili ma nonostante quest'ultime il libro è davvero un ottimo fantasy.La parte centrale è un po noiosa e lenta ma il romanzo si riscatta con un bel finale.

  • User Icon

    Leonardo

    02/10/2011 14:08:12

    Credo che molti lettori non sappiano distinguere tra plagio e ispirazione. Non si può dire che "La spada di Shannara" sia originalissimo, ma certamente non si può dire nemmeno che sia la copia del signore degli anelli. Certo, ci sono elementi in comune, ma neanche così tanti come si crede. Questa è la prima opera di Brooks, una piccola svista, se c'è stata, gliela si può anche perdonare, visto che i libri che seguono la spada, come è già stato detto, si discostano molto da Tolkien. E' un'opera scritta benissimo e con personaggi molto carismatici, il finale non mi ha convinto più di tanto, ma rimane un fantasy di tutto rispetto. Leggete anche il ciclo di Landover .

  • User Icon

    mat

    02/06/2011 21:18:41

    nonostante alcune somiglianze con il signore degli anelli il libro è molto bello con alcuni momenti di buona suspance.

  • User Icon

    ALESSANDRO

    20/05/2011 21:54:13

    Splendido!...nonostante alcune situazioni che ricordano moltissimo IL SIGNORE DEGLI ANELLI rimane un libro da non perdere!...consigliato

  • User Icon

    Giak81

    17/04/2011 21:56:34

    Il mio primo libro letto da bambino, sono rimasto folgorato e da li mi sono appassionato al fantasy e alla lettura, come fare a non dargli il massimo dei voti? Si, cmq una copia venuta bene, secondo me, del Signore degli Anelli, si rivedono molte situazioni similissime, ci se ne accorge ancora di più leggendo i seguiti.

  • User Icon

    Mirko

    25/06/2010 13:49:10

    Vorrei rispondere a Peppinho81 io ho letto la saga di Tolkien e posso dire che è stata una barba infinita. Mi dispiace per chi ama il Signore degli Anelli ma io personalmente non l'ho trovato così fantastico anzi devo dire che è noioso e lungo (nonostante io abbia letto molti tomi di più di 1000 pagine). La spada di Shannara invece, almeno per me, ha più ritmo e meno tempi morti. Lo consiglio. Mirko

  • User Icon

    Stef

    15/03/2010 15:20:26

    - Se uno non conoscesse Tolkien, la Spada di S. potrebbe anche sembrare una onesta - ma in fondo convenzionale - opera fantasy, ma se uno ha già letto il SdA, si conclude la lettura solo per vedere fino a che punto può arrivare l'improntitudine dell'autore nel calco 1 a 1 di personaggi e situazioni; e, con scrupolo, si direbbe, nulla ci è risparmiato.....e quando, per es. Allanon/Gandalf si salva dalla caduta nel camino/abisso combattendo contro il Servo/Servo del Malefico, aggrappandosi ai pioli della scala di manutenzione(!),si tocca con mano il realismo pragmatico dell'Americano, ossia lo scarto povero dal modello, a cui il dramma finale non conferisce spessore ma solo velleità psicologistiche di un improbabile profondo. Il colpo di grazia poi, alla fine, lo danno le leziose evoluzioni da circo equestre della Legione della Frontiera, persuadendo della sostanziale visionarietà ingenua dell'opera, confronto o no con Tolkien.

  • User Icon

    mv

    11/02/2010 12:18:21

    Concordo con chi giudica questo libro come una copia venuta male de "Il Signore degli anelli": narrazione scolastica, caratterizzazione dei personaggi banale e storia tutt'altro che coinvolgente. A stento sono arrivato alla fine e certamente non ho mai pensato di leggere il seguito della saga.

  • User Icon

    damiano

    01/02/2009 09:17:50

    Lessi la spada di shannara nel 1990 e la definisco un'opera splendida, imperdibile per un vero lettore appassionato di fantasy! Nel tempo ho comprato tutte le sue opere che ho letto e riletto... Brooks è unico! descrive personaggi situazioni e scontri, con un realismo disarmante!... In generale ho letto alcune delle saghe più importanti, ad esempio Le cronache di Martin, la ruota del tempo di Jordan, La leggenda Earthsea della Le Guin, Le cronache di Narnia, la prima Trilogia della Robin ed altro ancora e non capisco una cosa: se leggo i commenti che alcuni fanno su Brooks, percepisco una moda diffusa di parlarne male! io sono convinto di tre cose: primo, quelli di voi che osannano Tolkien e basta fanno parte del gruppo che ha visto solo il film e che di fantasy non sa NIENTE, NIENTE! quelli di voi che lo hanno letto e dicono che Tolkien è l'inventore del fantasy, ne sanno meno di quelli di prima... infatti, il fantasy l'ha inventato il grande Howard, prima di Tolkien; inoltre, come Brooks si è ispirato a Tolkien, così Tolkien si è ispirato a George MacDonald! direi lecito, no? infine Tolkien, scriveva che gli Elfi erano buoni, Poul Anderson, NEGLI STESSI ANNI, nella "LA SPADA SPEZZATA" descriveva gli elfi come esseri malvagi! chi ha ragione? sono buoni perchè l'ha detto Tolkien?... sciocchezze, è fantasy, cioè l'unico genere dove non esiste uno standard! Leggete Terry Brooks, se volete appassionarvi al fantasy, poi quandi siete maturi, passate alle cronache di Martin. Tolkien ha scritto opere splendide (ho letto Lo Hobbit, il Signore delgi Anelli e Il Silmarillion) ma lo definisco comuinque un fantasy anche troppo aulico ed arcaico, Brooks invece ha l'onore di aver inventato il fantasy moderno...a ognuno il suo! W IL CICLO DI SHANNARA!

  • User Icon

    Peppinho81

    08/12/2008 10:15:31

    Userò solo tre parole per descrivere questa opera "Copia venuta male". Personaggi,ambientazioni e azioni identiche al Signore degli anelli,leggendo i personaggi di Shea e Flick si ha l'impressione di vedere in azione i due hobbit Frodo e Sam della saga di Tolkien invece che un mezzo elfo e un umano!!(cosi come tanti altri personaggi) Non mi spiego il successo che ha avuto questo romanzo, forse tutti coloro che lo hanno giudicato in maniera positiva non hanno letto le opere del maestro del fantasy J.R.R. Tolkien

  • User Icon

    Alessio

    07/12/2008 12:26:07

    E' vero..storia molto simile a quella del "Signore degli anelli" ma a differenza di quest'ultimo, la "Spada di Shannara" primo capitolo dell'omonima saga, ti appassiona dalla prima pagine e riesce a proiettarti in una avventura avvincente, la cui morale và oltre la storia...la lotta del BENE contro il MALE. Superflui sono i commenti sulla penna del più celebre e autorevole autore fantasy del nostro secolo. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    nefer79

    22/10/2008 11:34:19

    Partendo dal fatto che per me non si puo' dare ad un libro ne' 1 (il minimo), ne 5(il massimo) del punteggio, in quanto e' una questione soggettiva, penso che innanzitutto le ripetizioni che si trovano possano dipendere dalla traduzione italiana dall'inglese.Per quanto riguarda le similitudini con Tolkien, penso che faccia parte del genere fantasy,ed e' normale ritrovare elementi ricorrenti...sicuramente anche Terry Brooks avra' letto il Signore degli anelli e ne e' rimasto colpito come tutti noi, non per questo uno scrittore venuto dopo non puo' scrivere di maghi, di elfi, di nani, di magia ecc. perche' vuole palesemente copiare.Infine, questo libro e' rimasto nelle classifiche americae dei libri piu' venduti al primo posto per mesi, quacosa vorra' dire, a meno che siamo tutti degli ignoranti che non sanno cosa leggono...e' un libro che merita, ovviamente preso nel giusto contesto.

Vedi tutte le 92 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione