Categorie

Andrea Fazioli

Editore: Guanda
Anno edizione: 2010
Pagine: 347 p. , Brossura
  • EAN: 9788860882011

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sonia

    27/09/2014 21.19.27

    Ho letto tutti e 5 libri di Andrea Fazioli e sono tutti molto appassionanti! Li consiglio fortemente

  • User Icon

    Dass

    04/07/2014 18.13.32

    È il secondo Libro di Fazioli che leggo, i suoi romanzi, dopo un inizio tranquillo, ti prendono e non riesci a staccartene finchè non sono terminati. Mi piace il personaggio di Elia Contini. In questo romanzo ho apprezzato anche tutti gli altri. La storia è triste e allo stesso momento appassiona, ci si affeziona alla ragazza protagonista che e rimasta sconvolta dal lutto. La rivelazione di come si sia svolto il delitto non è secondo me banale. Bello.

  • User Icon

    Massimo F.

    14/02/2013 13.38.30

    Non male questo thriller in salsa ticinese. Niente di particolare, storie e personaggi già visti, ma l'ambientazione boschivo-lacustre e la linearità della trama (con risvolti neurologici anche interessanti...) lo rendono del tutto gradevole. Relax.

  • User Icon

    silvia

    22/04/2012 13.21.24

    Il primo libro che leggo di questo autore..assolutamente NOIOSO..la trama è insipida e banale basata su eventi quasi buttati a caso..all'inizio è davvero pesante,fortunatamente verso le ultime pagine diventa leggermente più avvincente ma il finale è poco coinvolgente..fortunatamente è scritto in modo scorrevole per cui sono riuscita a finirlo..probabilmente dipende dal fatto che a me piacciono altri tipi di thriller..

  • User Icon

    elda

    12/10/2011 18.43.22

    Gradevole giallo ambientato nel Canton Ticino, costituisce una piacevole lettura per la trama avvincente, l'impianto narrativo ben strutturato, lo stile lineare e incisivo.

  • User Icon

    donatella

    23/09/2011 12.01.11

    bel libro avvincente e interessante dall'inizio alla fine lo consiglio

  • User Icon

    sera

    10/11/2010 13.47.38

    Libro che all'inizio non mi ha convinto molto, poi a poco a poco si è rivelato per quello che effettivamente è: bello ed avvincente. Mai mi sarei aspettata un killer così diabolico...

  • User Icon

    Sara

    03/11/2010 14.45.53

    bello avvincente inaspettato

  • User Icon

    Lollo

    08/10/2010 14.25.55

    Ho letto tutti i libri di Fazioli, questo è il migliore. Ha la capacità di stupire ed emozionare. Lettura consigliata.

  • User Icon

    M@rco

    04/10/2010 11.13.54

    Questo quarto romanzo di Andrea Fazioli è un giallo avvincente, ambientato in Ticino. Un lembo di Svizzera che l’autore ha la premura di presentare e di spiegare al grande pubblico italiano senza annoiare i suoi connazionali. Nuovo, anche questa volta, è l’ambiente nel quale si svolge la storia. Quindi niente più gioiellerie, fiduciarie e banche (gli ambienti che fanno da sfondo ai primi tre romanzi), ma locali notturni: il mondo della prostituzione con i pesci grossi e i pesci piccoli che gli ruotano intorno. Sempre inseguendo senza moralismi il filo rosso di una criminalità che nasce dentro le particolarità economiche e sociali ticinesi. Anche i cognomi dei protagonisti sono ticinesi. Pericolosamente ticinesi, in un cantone dove tutti si conoscono. La storia raccontata nella Sparizione è plausibile, realistica. Un dramma che in qualsiasi momento potrebbe svolgersi intorno a noi, dentro la nostra quotidianità. La funicolare di Lugano, la Piazza Grande di Locarno, le baite sui monti, un Night Club a Castione, un quartiere residenziale a Massagno… non bisogna andare a New York o a Parigi per farsi male o per fare del male agli altri. La tentazione dei soldi facili e i “pozzi dei pensieri inconfessabili” hanno diritto di cittadinanza anche in Svizzera. Un paese i cui abitanti hanno il privilegio di "poter andare all'estero restandosene in patria". In tutti i romanzi di Andrea Fazioli, a un certo punto, entra in scena l’eremita Giona: il mio preferito. Giona è uno stratagemma grazie al quale, verso la metà del libro, Fazioli ci invita a fare il punto di una situazione fino a quel momento ingarbugliata. Attenzione però: Giona, come ogni oracolo che si rispetti, non risponde in modo chiaro alle domande che il detective Contini gli pone a beneficio suo e nostro. Perché lo fa? Per ricordarci che le risposte alle nostre domande, quasi sempre, sono più vicine a noi di quanto siamo disposti a credere.

  • User Icon

    Fiore

    30/09/2010 12.09.28

    Secondo me, il miglior libro di Fazioli (finora). Grande atmosfera e psicologia. Per gli amanti dei gialli, sfido chiunque a capire la verità, Fazioli è un prestigiatore...

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione