Lo specchio dell'angelo perso. Storia di uno strano. Vol. 3

Massimo Della Penna

Editore: Edizioni Efesto
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 02/10/2017
Pagine: 320 p., Brossura
  • EAN: 9788894855395
Usato su Libraccio.it - € 7,50

€ 11,82

€ 13,90

Risparmi € 2,08 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Angela Molfetta

    02/01/2018 17:33:17

    Sull'isola di Gorée, affacciata su quel lembo di Oceano che porta in rada uno spettrale veliero con un unico marinaio incappucciato, si consuma la vicenda di Vittoria, voce narrante di un tormento interiore che sublima in arte. Di contorno, altri personaggi, tra cui, straordinario e degno di nota vi è l'amico Coffee, la cui saggezza è tanto spicciola quanto profonda e indiscutibile. Quella di Vittoria è una presenza vicina e dal cuore pulsante, non come un semplice personaggio letterario. Indubbio merito dell'autore che ha saputo rendere così vibrante e vera una figura in realtà artefatta. Lei è un'eroina che percorre il suo viaggio di scoperta verso il disvelamento di un sé che percepisce, ma non riesce a mettere a fuoco. Visionaria dalla visione difettosa, pittrice a detta di molti priva di talento, avverte una fame fisica di pittura che la coglie con crampi sedati solo dipingendo: come posseduta da un demone, la sua dirompente forza creatrice si esprime in schizzi apparentemente incomprensibili di colore che la lasciano stremata e confusa. Sa essere tenace e determinata, capace di ripetere lo stesso soggetto più e più volte, non potendo modificare la tela. Non è forse questa una metafora della vita? Non essendoci dato di correggere ciò che è stato, ricominciamo da capo, riproponendo il medesimo copione e apportandovi qualche lieve variante finché, inaspettati, compaiono dei segni che ci inducono a riflettere su nuovi e inesplorati significati. Come sempre, tutto il groviglio si dipana alla fine quando, ancora, dispiace d'essere arrivati all'ultima pagina perché giunge l'accorato momento di salutare un amico caro che se ne va. Ma qualcosa di sé comunque lascia.

Scrivi una recensione