Traduttore: A. Veraldi
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 237 p.
  • EAN: 9788804500056
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe Florio

    19/10/2016 21:31:09

    Un classico di spionaggio ambientato in piena guerra fredda. Alec Leamas è un agente dei servizi segreti inglesi infiltrato nella DDR. Il compito della missione è quello di eliminare Mundt, un astro nascente dei servizi segreti della Germania Est. Tutto viene architettato in modo che sia Fiedler, un ebreo del controspionaggio della DDR, ad eliminare Mundt. Questi si rivela essere però un personaggio di un'astuzia immensa, e Leamas, si trova così coinvolto nel vortice di un piano assai più complesso, in cui lui e la sua amata Liz, risulteranno essere delle vittime manovrate perfino sul piano sentimentale. Indiscussa maestria dell'autore nella costruzione dell'intrigo della storia. Romanzo narrato con un linguaggio semplice e dal ritmo scorrevole. Contenuto assai veritiero, essendo Le Carré un vero ex agente dei servizi segreti inglesi, è un vero esperto del settore. Attraverso il protagonista, l'autore rivela al lettore la vera vita di una spia; niente di piacevole, a differenza di quanto Hollywood abbia fatto credere con James Bond. Pur tenendo conto del carattere realistico della storia, il finale non è a mio avviso dei migliori. Consigliato comunque agli amanti del genere.

  • User Icon

    PROT

    09/04/2014 09:01:27

    La differenza tra Le Carrè e altri scrittori di spy-stories è che lui è un fine indagatore dell'animo umano e i suoi romanzi si svolgono spesso nella mente del protagonista, l'azione la lascia ad altri... inoltre come descrive lui la guerra fredda nessuno sarà mai in grado di farlo... un capolavoro

  • User Icon

    Bry

    22/03/2014 15:23:27

    Probabilmente è il capolavoro di Le Carrè. il romanzo descrive la vera guerra fredda, in tutte le sue sfaccettature, in tutte le sue ipocrisie. Lascia un velo di tristezza.

  • User Icon

    Wentworth

    22/10/2013 22:34:44

    Coinvolgente e raffinato, mi è piaciuto molto. Sto cominciando ad appassionarmi a questo scrittore che per fortuna, ho visto, ha una vasta bibliografia.

  • User Icon

    TheGhostReader

    20/10/2013 09:44:55

    È il primo libro di Le Carrè che ho letto. Non so se ne leggeró altri. Forse mi aspettavo tanto dalla media voto così alta, forse il mio palato è molto esigente dopo aver gustato capolavori di Follett e Forsyth. Ma sta di fatto che questo libro mi ha deluso. Dovrebbe essere una spy story, un thriller, ma di colpi di scena che ti tengano incollato al libro ce ne sono davvero pochissimi, e tutto l'intrigo si risolve in 30 lunghe  pagine di arringhe in tribunale tra giudice, avvocato e testimoni.  Ovviamente è sempre valida la massima 'de gustibus non disputandum est'. Tuttavia se dovessi consigliare ad un amico un' avvincente spy story, consiglierei titoli dal calibro di 'La cruna dell'ago' o 'Il negoziatore', giusto per citarne un paio. Voto 2.

  • User Icon

    Fabrizio

    20/02/2013 17:37:09

    Appassionante vicenda ambientata nel periodo della guerra fredda. Atmosfera resa alla perfezione. Molto bello.

  • User Icon

    KidChino

    20/05/2011 17:43:56

    Una spy story davvero insolita secondo me! Il cinismo sembra far da padrone per tutto il romanzo fino a che non ti soffermi sull'ultima pagina. Il sacrificio di un uomo cinico, rude e crudo per salvare la donna che in realtà amava. Tolto il contesto meraviglioso la storia è ricca di contenuti e dati storici concreti. Un'ottima prima lettura di LeCarrè che sicuramente non sarà l'ultima! Consigliato!

  • User Icon

    Stefano

    19/07/2010 22:30:40

    Senza parole. Un capolavoro nel suo genere.

  • User Icon

    maurizio

    09/05/2009 20:44:50

    Ogni grande scrittore riesce a far entrare in simbiosi il lettore con il testo;penso ad esempio al Moravia ed alle sensazioni che riusciva a trasmettere a noi lettori nei suoi innumerevoli libri.Le Carrè - in questo romanzo - riesce a far percepire la precarietà della vita di una spia in piena guerra fredda ed a trasmettere angoscia; diverso dal sapore di tutti i suoi testi,qui la protagonista è l'angoscia,per questo è magistrale.

  • User Icon

    Piernicola Silvis

    18/03/2008 17:35:23

    Colossale. Non credo si possa definire diversamente. Chino la testa.

  • User Icon

    lorenzo

    20/05/2007 01:21:14

    Nel genere è sicuramente notevole, drammaticamente lucido, antischematico, antieroico, insomma un romanzo che pone il suo intreccio particolarmente affilato all'interno di una suggestiva analisi storica, cruda e non commossa. Questa interessante sintesi lo porta ad essere inquadrato fuori dei soliti schemi del romanzo di spionaggio. Veramente notevole

  • User Icon

    alberto

    09/01/2006 17:39:16

    rocambolesco si legge di un fiato meno complesso di altri (almost blu, per esempio) ma godibilissimo da leggere

  • User Icon

    richimcmurphy@libero.it

    30/08/2005 23:28:59

    Classico che delude un po', ci rivedo il processo di kafka, per essere nobili , ed anche un king d'annata per essere plebei. Cmq un le carre' per me inferiore a quello del giardiniere costante, dove pero' alla fine jhon se la fa sotto. Qui cade nel finale alla schakespeare, e tira via, ma tant'è, era giovane. Alla fine della sua carriera appare secondo me uno scrittore di talento ma con qualcosina in meno per arrivare ad essere un grande di sempre nel suo genere.

  • User Icon

    Andrea Franco

    12/07/2004 18:44:27

    Un libro che si legge tutto d'un fiato e che non stanca mai. Il classico romanzo sulla guerra fredda e sullo spionaggio, ma con qualcosa di più. atmosfera disillusa, speranze infrante... un romanzo che ha dato l'avvio a un genere. L'ho letto con gusto e credo che presto leggerò altri ronanzi di le carrè. Rapido, ma efficace. Lo consiglio a tutti, amanti e non del genere.

  • User Icon

    Anna

    21/05/2004 09:35:14

    Uno dei più bei libri di spionaggio che siano mai stati scritti! Un grande Le Carrè! La storia, la narrazione, il finale... tutto molto intrigante!

  • User Icon

    Renato

    04/10/2003 18:42:50

    Appena finita la lettura del libro, mi era sembrato discreto. Scrivo questa recensione dopo qualche mese dalla lettura: non mi è rimasto molto. Direi che se siete appassionati del genere "spie", questo libro è un classico e non potete perderlo. Altrimenti lasciate perdere, tranquillamente.

  • User Icon

    Fabrizio

    15/01/2003 19:29:21

    Basta! Ho deciso che Le Carrè proprio non fa per me. Dopo aver letto "Il giardiniere tenace" ho voluto essere un po' masochista ed ho provato anche questo romanzo ma ne sono rimasto profondamente deluso. Pensavo che il precedente fosse una "pecora nera" di Le Carrè, invece dopo la lettura di questo libercolo ho capito che io e questo autore non possiamo proprio andare d'accordo e ci lasceremo definitivamente. Le recensioni mi avevano convinto, ma se devo dire la verità ho trovato addirittura "Il giardiniere tenace" ancora più avvincente, è questo vuol proprio dire tutto. Mi spiace per il buon John ma il fatto che quando uno sta leggendo un suo libro non vede l'ora di arrivare alla fine (per cambiare autore) non è qul che si dice un buon segno! Addio!

  • User Icon

    andrea

    26/12/2001 11:27:48

    Un capolavoro ! Avvertire sulla propria pelle ciò che è stata la guerra fredda, una meravigliosa partita giocata sulla scacchiera della psicologia e dei sentimenti dei personaggi, magicamente disegnati con poche ed efficaci pennellate, tutto questo e tanto altro è questo gioiello di un mondo ormai sparito ed inchinato ad una tecnolgia che poco spazio lascia alla fantasia ed all'intuizione (e se ne vedono i risultati !?!).

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione