La spiaggia dei cani romantici

Marino Magliani

Editore: Instar Libri
Collana: I Dirigibili
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 3 gennaio 2011
Pagine: 224 p., Brossura
  • EAN: 9788846101358
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
In mezzo alla pampa, a Lincoln, l'estate finisce quando se ne vanno i chicos piola - i ragazzi all'occhio -, quelli che vestono camicie colorate e ogni anno attraversano la pozzanghera per lavorare in Europa, nei locali notturni della Costa Brava. Un giorno del 1983 da Lincoln se ne va anche Almeja, che ha fatto la guerra delle Malvinas e vuole diventare calciatore: ha origini liguri, andrà in Italia a cercarsi una squadra, e con lui partirà la sua ragazza. Una rotta diversa da quella dei chicos piola, un itinerario nuovo. Una volta in Europa, però, il richiamo di Lloret de Mar sarà ineludibile: la spiaggia dei ragazzi di Lincoln, le notti infinite, la costa dove i giovani si riversano in vacanza, ma anche il luogo dove diversi soldati inglesi trovano una morte violenta. Quante vite si consumano a Lloret, che cosa è stata la convulsione degli anni Ottanta? A distanza di quasi trent'anni una giornalista olandese va alla ricerca di alcuni protagonisti di quell'epoca e, percorrendo un cammino inverso rispetto a quello di Almeja, fa riaffiorare tracce di un passato che sembra inghiottito dai flutti, ma, a tratti, manda ancora bagliori.

€ 7,00

€ 14,00

Risparmi € 7,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 7,56

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Borges amava dire che la pampa assomiglia a una "parola infinita che è come il suono e la sua eco". Nel raccontarci il percorso di una doppia emigrazione – quella dei tanos (gli italiani in Argentina) e quella dei che sudaka (gli argentini in Spagna) – Marino Magliani insegue lo stesso ritmo di andate e ritorni su uno scenario molto più ampio, addirittura transatlantico. Romanzo di sguardi incrociati, da un lato all'altro dell'enorme "pozzanghera" che separa l'Europa e l'America, La spiaggia dei cani romantici narra la storia di un gruppo di giovani marginali, che hanno sogni grandi quanto il loro desiderio di viaggiare. Percorsi di formazione che iscrivono il libro nella lunga tradizione dei romanzi sulla giovinezza, ma nello stesso tempo sovvertono tale tradizione, poiché Magliani, così come il suo modello (quel Roberto Bolaño cui allude costantemente), non intende la Bildung dei suoi personaggi come un bagaglio di esperienze da acquisire progressivamente. Al contrario, ci presenta identità che crescono smarrendosi, fino a buttarsi via, come se quello che contasse non fosse mai ciò che si accumula, ma la possibilità di continuare a consumarsi e andare alla deriva. Tutto questo sempre con un'ironia selvaggia, che al termine del romanzo sposta la scena a quasi trent'anni più tardi, e ci presenta i personaggi sopravvissuti al loro stesso furore, che ricevono in sorte una seconda vita completamente diversa. Lo spaesamento nello spazio diventa allora spaesamento nel tempo: un genere di allontanamento in cui a cambiare non sono più i paesaggi, ma "gli occhi che li guardano". Scopriamo così che il romanzo ruota intorno a una memoria intimamente dialettica, che conserva e cancella, nasconde e lascia riaffiorare. Una memoria che prospera nei margini di ambiguità dello spazio raccontato e dunque gioca con i lettori, accompagnandoli in un viaggio, questo sì degno di Bolaño, dentro gli inganni e le seduzioni della parola.
Luigi Marfè