Lo spirito della città nella Parigi di Balzac

Lorenzo Caracciolo,Giovanna Sagona

Anno edizione: 1993
In commercio dal: 27 agosto 1993
Pagine: 340 p., ill.
  • EAN: 9788838909122
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 21,95

€ 25,82

Risparmi € 3,87 (15%)

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Moro, C., L'Indice 1994, n. 3

Nella critica balzachiana la ricognizione di luogo è un Leitmotiv che dagli anni venti arriva sino al recente "Balzac archéologue de Paris" (1986) di Jeannine Guichardet e oltre. Qui si misura con le competenze urbanistiche di due architetti, Lorenzo Caracciolo e Giovanna Sagona, che per la collana "La pietra vissuta" di Selleria hanno ricostruito in mosaico la Parigi della Comédie humaine, attraverso un'antologia ragionata di passi dei romanzi e con il corredo di una ricca iconografia: stralci planimetrici del Cinque-Settecento, scorci urbani in disegni d'epoca, una grande pianta della capitale nel 1841. È più facile ora il colpo d'occhio su un orizzonte - quello parigino - che Balzac restituì in immagini estreme, come vuole il concetto stesso di modernità. Mutevole e ubiquo, lo "spirito della città" si manifesta con uguale familiarità nella cupa desolazione dei vicoli e nell'opulenza sfavillante dei boulevard, aleggiando negli interni da vero 'genius loci'. Dai silenzi claustrali della Cité, che risuona ancora dei passi di Abelardo, all'infamia notturna che striscia alle spalle del vecchio Louvre, dai palazzi del Faubourg Saint-Germain e del Faubourg Saint-Honoré, dove i resti dell'aristocrazia si tramandano la scienza dell'abitare, all'eleganza insolente della Chaussée d'Antin, popolata di cortigiane, tutto convive, si intreccia equivocamente, resiste alle bonifiche. E nulla ha un solo aspetto, la miseria può mostrare il volto sordido della capacità usuraria, o assumere il contegno eccentrico dell'arte. Anche l'indugio sugli arredi sfugge in Balzac a una pura finalità descrittiva: lo coglie bene Ejzenstejn, che nella magistrale lezione di regia sull'allestimento del "Père Goriot", posta dagli autori in chiusura del volume, affida alla forma di un tavolo la rappresentazione di un clima sociale.