Splendori e miserie del gioco del calcio - Eduardo Galeano - ebook

Splendori e miserie del gioco del calcio

Eduardo Galeano

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,2 MB
  • EAN: 9788873397014
Salvato in 16 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Come ogni sudamericano, l'autore del libro sognava da bambino di diventare un grande calciatore e l'essere divenuto uno scrittore di fama, non l'ha guarito dal rimpianto di esser stato il peggiore giocatore mai comparso nei campetti del suo paese. Questi racconti sono la celebrazione del sogno che il calcio rappresenta nell'immaginario della gente e del mondo che gira intorno al pallone. Un mondo in cui si incontrano i tifosi in pellegrinaggio verso lo stadio; il gol, "orgasmo" del calcio; il portiere, giocatore che con un errore può far perdere un campionato; il rigore che Meazza tirò al Brasile nei Mondiali del '38; Pelè che segna il suo millesimo gol al Maracanà; Eusebio, l'africano destinato a lustrare scarpe e diventato invece la "Pantera" della Coppa del Mondo del '66, e Maradona, che da bambino dormiva con un pallone. Galeano non ignora gli aspetti meno luminosi di uno sport che è anche un lucroso affare. Ma, come accade agli innamorati, le inevitabili miserie non diminuiscono lo splendore di questo gioco, che è festa per gli occhi di chi lo guarda e allegria delle gambe che sfidano la palla.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ciel

    18/06/2017 20:02:46

    Il libro più bello che sia mai stato scritto sul calcio. Storia e poesia.

  • User Icon

    zombie49

    08/10/2016 08:54:57

    Eduardo Galeano, scrittore e giornalista uruguaiano di saggi storici e politici, dedica quest'opera alla sua grande passione: il calcio. Il libro è suddiviso in capitoli brevi, corredati da simpatiche illustrazioni dell'autore, e racconta episodi noti, come le origini del gioco nell'antica Cina, che avevo appreso dagli album di figurine nell'infanzia, e altri meno conosciuti, come che il termine "segnare" derivi dalle tacche incise a ogni gol sui pali delle porte nell'Inghilterra vittoriana. Galeano ricorda anche i giocatori, alcuni molto famosi, altri sconosciuti, come il mulatto di origine tedesca che segnò più gol di Pelé, il portiere caduto in disgrazia che si uccise di notte in mezzo al campo deserto, il cileno che inventò la rovesciata e morì in uno scontro con un avversario. E' una storia in ottica sudamericana, e uruguagia in particolare, con uno sguardo alla politica, che spesso sfrutta il calcio come propaganda di regimi dittatoriali. E' un racconto di parte, con qualche imprecisione storica: l'autore non nasconde le sue idee di sinistra e la sua antipatia per gli Stati Uniti. Con un linguaggio divertente e brioso, venato di piacevole ironia, Galeano ripercorre in poche parole, insieme alla storia del calcio, quella di un secolo nel mondo. Attraverso guerre e rivoluzioni, lo sport riesce a divertire e a superare barriere razziali e sociali. E' difficile scrivere di sport in modo coinvolgente ma Galeano ci riesce, e il libro diventa più interessante quando descrive fatti di cui possiamo avere memoria. Dispiace però l'acredine politica fuori luogo e l'eccesso di polemica contro gli aspetti economici del calcio. Il tormentone sulla discriminazione dei neri e dei poveri, e sulla caduta di Castro, diventa un'arringa faziosa e ossessiva da predicatore, noiosa, pedante e ripetitiva. Purtroppo pessimo e dissonante il titolo italiano: avrei preferito la traduzione del titolo originale, "El fùtbol a sol y sombra", "Il calcio a luci e ombre".

  • User Icon

    Jacopo

    21/12/2011 15:42:06

    Nel confinato mondo della letteratura calcistica, occupa meritatamente un posto importante. Appassiona, commuove e costringe ad aprire gli occhi su quanto grande sia la differenza tra il gioco del calcio e la spietata industria che oggi reclama per sè questo nome.

  • Eduardo Galeano Cover

    Giornalista e scrittore uruguayano, ha iniziato, da giovane, l'attività giornalistica. Dal 1973 è vissuto in esilio in Argentina e in Spagna. All'inizio del 1985 è tornato nel suo Paese, dove ha vissuto fino alla fine dei suoi giorni.È autore di numerosi libri, tradotti in varie lingue, che violano spesso le frontiere tra i generi letterari mescolando il racconto e il saggio, la poesia e la cronaca.Nel 1985 è rientrato in Uruguay dopo un esilio di dodici anni in Argentina e in Spagna. Con la trilogia Memoria del fuoco ha ricevuto nel 1998 l'American Book Award.Ha ricevuto premi prestigiosi in America Latina, Stati Uniti, Europa. Nel 2008 è stato nominato Cittadino Illustre del Mercosur. Le vene aperte dell'America Latina (Sperling & Kupfer) ha... Approfondisci
Note legali