Splendori e miserie delle cortigiane

Honoré de Balzac

Traduttore: M. Ferro
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 marzo 2017
Pagine: XXXVI-578 p., Brossura
  • EAN: 9788804673989
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,25

€ 11,00

Risparmi € 2,75 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    11/01/2018 02:11:36

    Che immensa gioia, che meraviglia sarebbe il sapere che, se mi facessero un'autopsia accurata, fra i brandelli, i marciumi e i fetidi depositi di queste interiora cenciose si rinvenisse una sola frase di Balzac, anche un piccolo lontano frammento, un richiamo alla sua figura. Chissà che non ci siano bisturi ancora ignoti che un giorno riescano a tirar fuori le verità sensibili di ciò che ci ha attraversato. Che rivoluzione sarebbe! Risalire tutta una cronologia di gusti, di amori, di scelte e di follie personali trovandone nella stiva della carcassa le prove definitive. Una scoperta eccelsa. Quanto a chi scrive, senza nessun supporto per ora che non siano queste amorose e devotissime sillabe, si sappia insomma che Balzac è la mia colonna vertebrale, il mio sangue, la mia misura delle cose, il mio intero sentimento vitale. Mi ostino e mi ostinerò a ribadirlo come in un'ossessione mai paga, un vassallaggio che si piega a tutto, benefici e imposizioni, servitù e ingiurie, onori e commozione. Una furia fedelissima, il vertice dei vertici, la sommità di ogni alfabeto reso letteratura. Mi si lasci però gettare una feroce considerazione critica: non si può accettare uno dei più libri del mondo in un'edizione tanto orripilante!! Santa Mondadori dei Macelli, cosa hai combinato? Hai offerto un abito inguardabile alla perfezione, un ridicolo orrendo mantello alla più bella carne poetica mai partorita dal genio. Mi chiedo perché. Quali beoni della grafica hanno potuto ideare questa sconcezza, quali sofisticati notabili delle officine librarie hanno potuto dare germoglio a tale manufatto? Sapete o no che avete sfregiato con questa becera veste uno dei più grandi risultati dell'umano ingegno? Cento Ave Honorè e Gloria al Padre Goriot in ginocchio sui ceci. E subito togliere dal commercio questo peccato mortale. Quanto al romanzo, inutile dire che è un prodigio, uno di quegli accordi miracolosi fra il divino e il terreno che danno senso, ali e dignità alla nostra vita.

Scrivi una recensione