La sposa promessa. Fill the Void

Lemale et ha'chalal

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Lemale et ha'chalal
Paese: Israele
Anno: 2012
Supporto: DVD
Salvato in 13 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,99 €)

Shira è la figlia più giovane di una famiglia ebrea ortodossa di Tel Aviv. Promessa sposa ad un giovane della sua stessa età e della stessa estrazione sociale, Shira è felice ed eccitata per il sogno che si sta avverando. Durante la festività del Purim, la sorella maggiore Esther, muore di parto mettendo al mondo il suo primogenito. L'angoscia e il dolore che colpisce la famiglia fa sì che il matrimonio di Shira venga messo in secondo piano. Tutto cambia quando a Yochay, il marito di Esther, viene proposto di unirsi ad una vedova belga. Yochay ritiene che sia troppo presto, pur sapendo che prima o poi dovrà prendere seriamente in considerazione l'ipotesi di sposarsi nuovamente. Quando la suocera scopre che Yochay potrebbe lasciare il paese con il suo unico nipote, propone un'unione tra Shira e il vedovo. Shira dovrà dunque scegliere se ascoltare il suo cuore o seguire la volontà della sua famiglia.
3,5
di 5
Totale 4
5
1
4
1
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Toccante

    11/05/2020 20:18:16

    Non sapevo cosa aspettarmi da questa storia, fondamentalmente perché pensavo forse qualcosa di troppo complesso e stratificato per poterlo comprendere, trattando di una comunità e una società di cui non sapevo poco o nulla, invece il film si muove tra sentimenti ben riconoscibili e vivibili da chiunque. E’ una storia che parla al cuore e travalica le regole morali e sociali di qualsiasi luogo e provenienza e che fanno riflettere e arricchiscono. Molto bravi i protagonisti che regalano davvero una bellissima storia, anche romantica.

  • User Icon

    mart@

    07/03/2019 13:01:35

    Inciampata per caso nella visione di questo film devo dire di essermi lasciata facilmente affascinare dalla storia, che non solo è una bella visione per conoscere questa tipologia di fedeli e religione (che conoscevo poco a dire il vero, avendoli sentiti solamente nominare) ma anche per la storia d'amore (decisamente particolare e sopra le righe) alla base, che non può lasciare indifferenti. L'ho guardato più di una volta per comprendere fino in fondo i vari momenti e le varie situazioni, molte solo con un sottofondo musicale per dare maggiore impatto emotivo. Molto bello, davvero consigliato.

  • User Icon

    cristina

    19/01/2014 17:29:01

    Interessante per chi vuol saperne di più sulla cultura ebraica. E per riflettere sulla condizione della donna al giorno d'oggi in un paese e in un tempo vicini a noi eppure così distanti. Eppure il film sa di già visto, è lento e noioso; sembrano tutti uguali i film su questo tema e si fanno dimenticare presto.

  • User Icon

    ROBERTO'61

    20/03/2013 17:49:06

    Un mondo piccolo dove uomini e donne, in nome di Dio, giocano con i sentimenti degli altri. Shira non può scegliere, non può vivere la propria libertà di donna, ma deve subire le responsabilità e le sofferenze degli altri. Il suo desiderio di amore e la sua speranza di una giovinezza felice vengono infranti dalla sorella che morendo mette alla luce un bambino. Così la madre chiede a Shira di sposare il cognato per non veder allontanare il bambino. Ma tutto, perfetto come i canti delle preghiere, consuma l'imperfezione di una esistenza dove uomini e donne non sono padroni di loro stessi e del proprio destino. Una realtà straziante in questo terzo millennio dove la ragione e il progredire sono ancora sopraffatti da antichissimi retaggi religiosi. Il regista, riuscendo ad offrire una grande interpretazione alla protagonista, ci disegna i contorni della religione ebraica e li rinchiude in un momento fuori dal tempo e dalla realtà, isolandone il contesto e svelandone tutta la triste drammatica irragionevolezza. Il pianto della sposa bagna il bianco vestito che non le appartiene, bagna il destino di una donna che ancora oggi non può essere libera da miti e credenze che la relegano su un piano diverso da quello dell'uomo, negando cosi il libero sviluppo della mente e la naturale essenza dell'essere.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

2012 - Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia Miglior attrice Yaron Hadas

  • Produzione: Mustang Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Ebraico (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: trailers; interviste
Note legali