Lo stagno delle gambusie - Enrico Unterholzner - copertina

Lo stagno delle gambusie

Enrico Unterholzner

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Meridiano Zero
Collana: Primo parallelo
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 13 maggio 2009
Pagine: 155 p., Brossura
  • EAN: 9788882372088
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 4,81

€ 8,90
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ognuno ha il suo modo di affrontare il destino. Quello di Geremia potrà sembrarvi bizzarro. Ma che importa a Geremia del giudizio affrettato di gente che si crede razionale e poi si sofferma a consultare l'oroscopo? Quello che conta per lui è trovare il modo per proteggere le sue due deliziose compagne di vita dalle minacce e dai pericoli in agguato. Farebbe qualsiasi cosa per tenersele strette, per cullarle a sé. C'è chi tornando dal lavoro trova stanze vuote e silenziose, lui no. Loro sono arrivate nella sua casa dal nulla, come un dono miracoloso. E ora ridono, si lasciano accarezzare, si affidano a lui. Servono dei riti, da celebrare senza vergogna, per impedire agli estranei di avvicinarsi. Perché queste sue bellissime, fragili compagne, sono inermi. Come farfalle appena nate, come fiori appena dischiusi, come volubili fate aggrappate a lui, protettore e amante. La penna di Enrico Unterholzner è il leggero strumento per spiegare l'inspiegabile. Aggraziata, fantasiosa, gentilmente ironica. È calviniano il suo modo di animare l'aria, fino a che le piccole cose iniziano a raccontare storie, a germogliare verità sulla fragilità umana che accomuna tutti, costringendo a riconoscersi nei segreti che, gelosamente, teniamo dietro le nostre porte.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,75
di 5
Totale 4
5
3
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ilaria Azzolini

    10/02/2011 09:56:02

    Geremia non sa relazionarsi con le persone che lo circondano, materialiste e superficiali, ma questo non lo preoccupa. Il mondo autentico per lui è un altro, è una dimensione mistica, dominata da divinità e pulsante di vita, da cui provengono le sue compagne Silfantea e Pamella, e da cui giungono indizi sulla missione che Geremia deve compiere. Leggere Lo stagno delle gambusie significa avventurarsi attraverso una realtà creata dalla mente un po' folle di un uomo-bambino, favolosa ma anche minacciosa se un rituale non va nel modo giusto.

  • User Icon

    Filippo Segresti

    05/12/2009 10:35:31

    E' una storia che ti conduce in un mondo dai sapori e dai sentimenti inaspettati. Li percepisci, li tocchi e ti chiedi un po' sbalordito, se appartengono al tuo mondo o al puro prodotto della pazzia. Alla fine però hai pochi dubbi: quello è anche il tuo mondo. La narrazione è sempre accompagnata da un'ironia di fondo che alla fine ti induce ad amare questo uomo, apparentemente assurdo.

  • User Icon

    Paolo Spola

    05/12/2009 09:52:29

    Un'autentica sorpresa questo autore. Inventa una storia ricca, avventurosa, costruita su un bisogno inarrestabile di vita di un uomo ai margini della società, trovando come fulcro oggetti quotidiani, banali. L'impatto è decisamente surreale ma più leggi, più ti entri in sintonia con un mondo che passo dopo passo diventa incredibilmente familiare. Da gustare.

  • User Icon

    Paola Zanardo

    27/11/2009 14:42:26

    Un romanzo breve ma intenso, che scava nella mente irrazionale e folle di Geremia, nel cui mondo non vi è distinzione fra esseri animati ed inanimati, fra una foglia, un pesce o una chicchera di ceramica,poichè il senso delle cose non sta nella loro reale essenza o nella loro funzione, ma nel rapporto che hanno con il suo mondo interiore. Man mano che si procede nella lettura, si prende confidenza con il personale codice di lettura della realtà di Geremia e con il suo gusto per la scommessa , per il gioco, per i riti ed il ripetersi dei gesti, destinati a riempire la sua solitudine e ad assumere un valore simbolico. La narrazione è, nonostante il tema, leggera e fluida, tale da rendere la lettura di questo libro una piacevole esperienza.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
A tutta prima, nel leggere dell'equivoco comportamento di Geremia, il protagonista di questo romanzo d'esordio di Enrico Unterholzner, d'istinto viene da provare sconcerto e disagio. Chi Ì questo individuo che, tornato a casa da un decoroso lavoro impiegatizio, si trastulla sul divano con le piccole Pamella e Silfantea abbracciandole e cospargendone le delicate membra con ôoliuzzoö e ôcreminaö? Si tratta di un pedofilo, di un adescatore di bambine, di uno zio depravato? Nulla di tutto ci‗. Abbiamo semmai a che fare con un'anima candida, con un poveretto privo di relazioni autentiche che, per scongiurare la solitudine, si Ì inventato una realtË tutta sua dove gli oggetti prendono vita e partecipano alle vicende umane, proprio come nelle fiabe. S², Ì una fiaba, questa di Unterholzner; una storia fantasiosa e dolorosa al contempo. ╚ il resoconto di una pazzia mansueta quanto il personaggio chiave della vicenda: individuo ôdisadattatoö o, meglio ancora, poco adatto a vivere tra gente ordinaria e incapace di accettare chi, come lui, ôentrava in altre realtË dove i vincoli terreni erano lontani, dimenticatiö.
Geremia Ì un eterno fanciullo che, pur avendo superato il quintale di peso, gioca ancora con i soldatini e si diverte a compiere lunghe scivolate sul pavimento del corridoio di una abitazione la quale si fa anticamera di un universo fantasmatico cui egli pu‗ accedere lasciandosi alle spalle le miserie del mondo: del nostro mondo. Cos², dalla sua prospettiva visionaria, una zuccheriera di porcellana pu‗ trasformarsi in una giovane avvenente, da lui chiamata Silfantea, e una trottola di legno diventare per prodigiosa metamorfosi una bambina di nome Pamella. Due creature ideali, che altro poi non sono, secondo Geremia, se non sua moglie e sua figlia. Cos², ogni sera, il solitario appartamento dello stralunato personaggio prende magicamente ad animarsi; il clima emozionale di quelle stanze vuote si riscalda e l'uomo Ì infervorato, raggiante, mentre stringe a s+ la zuccheriera e la trottola. Altro non cerca o pretende, se non proteggere ôquelle vite arrivate dal nullaö.
Tuttavia gli esorcismi, si sa, non sempre funzionano. E alle fantasticherie subentra incontenibile la paranoia, in un crescendo psicotico davvero allucinante. Geremia inizia ad aver paura per le sue protette, secondo lui minacciate da una ôpresenza nemicaö. Urge quindi approntare piani di difesa, strategie onde opporsi all'assedio di chi intende portargli via la famiglia. L'uomo si dË da fare quanto pu‗: mette in atto tutta una serie di espedienti e trucchi per allontanare la minaccia, finendo per rinchiudersi ancor pi¿ nelle sue fissazioni, ma ogni tentativo di fuga/difesa dal reale finirË per farlo smarrire definitivamente.
Lo stagno delle gambusie Ì una fiaba senza lieto fine. Ma l'intera vicenda, pur cos² triste e desolante, Ì permeata da un respiro narrativo all'insegna della pacatezza; ogni capitolo di questa storia ambientata ai confini della realtË pare avvolto dall'aura del miracolo e dell'innocenza. Certo, il protagonista Ì destinato a perdere/perdersi, ma la sua sconfitta – indomita, senza resa – rappresenta poi solo il suggello dell'essere lui diverso per antonomasia. Incarnazione, dunque, dell'alteritË assoluta o dell'altrove pi¿ alieno e destabilizzante, se Geremia ricorda un po' certi maniacali personaggi di Francesco Recami, il suo creatore pare ispirarsi piuttosto a Calvino per la levitË di scrittura e l'ironia compassionevole nei confronti delle umane debolezze.
Francesco Roat
Note legali