La stella di Babilonia

Barbara Wood

Editore: Fanucci
Collana: Gli aceri
Anno edizione: 2007
Pagine: 320 p., Rilegato
  • EAN: 9788834713303
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    silvia

    23/07/2009 18:10:05

    Rispetto agli altri suoi libri che ho letto non mi è molto piaciuto, certe volte mi sembrava di leggere le storie di indian jones!! inoltre non mi è sembrato particolarmente ricco di riferimenti storici / culturali, anche se magari sono io che ho lacune in certi argomenti.

  • User Icon

    Elisabetta

    03/04/2009 17:59:48

    Libro bellissimo sulla scia di La profetessa, e proprio perchè siamo abituati con questa scrittrice ai livelli di quest'ultimo che non do al libro il voto massimo.Ma se si può dire che il libro è notevole,non si può certo definire tale la traduzione che è pessima, con frasi interrotte,parole che vorrebbero un sinonimo...credo che il traduttore sia lo stesso di Cleopatra di Colleen Mccuollough che ha rovinato un capolavoro.Comunque si puù passare su queste piccole inezie,ma non si può passare sopra al fatto che in questo paese di una autrice che ha scritto almeno una ventina di libri,se ne siamo tradotti neanche la metà,e che Private Entrance, l'ultimo libro della trilogia dopo Farfalla e Stelle scritte sempre da lei ma con uno pseudonimo, ancora non sia stato tradotto ne che sia in pubblicazione.Oltre che essere un danno ed un penoso spazio vuoto nella mia biblioteca è anche un'impoverimento culturale pe tutti,soprattutto le percone che amano questa autrice e le sue battaglie femministe.Spero vivamente che si rimadi a questo imperdonabile errore!

  • User Icon

    Manuela

    08/10/2007 13:58:40

    Non è ai livelli dei suoi capolavori ("Verde città nel sole" e "Momenti d'amore"), ma questo romanzo si avvicina molto all'eccellenza nel genere. La storia è interessante, ben congegnata e ricca di suspence; l'intreccio con eventi del passato è ben strutturato e appassionante, ma d'altronde questa è una caratteristica dello stile di questa autrice. Anche i due protagonisti sono ben caratterizzati, mentre l'unica pecca è l'eccessività delle personalità dei "cattivi", a volte fin troppo stereotipati. Lo consiglio, soprattutto a chi come me è appassionato di egittologia e storia antica.

Scrivi una recensione