Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Stephane, una moglie infedele

La femme infidèle

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: La femme infidèle
Paese: Francia
Anno: 1968
Supporto: DVD
Salvato in 27 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,99 €)

Un assicuratore uccide l'amante della moglie. Questa, interrogata dalla polizia, afferma di non aver mai conosciuto il defunto. I sospetti cadono ugualmente su suo marito. Lei ha le prove della sua colpevolezza: una foto della vittima trovata nella giacca del coniuge. Soddisfatta dalla piega che hanno preso gli avvenimenti, assiste indifferente all'arresto del consorte.
  • Produzione: Raro Video, 2012
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 95 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Francese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Claude Chabrol Cover

    "Regista, sceneggiatore e produttore francese. Appassionato di letteratura poliziesca fin dall’infanzia trascorsa nella provincia francese, ancora studente alla facoltà di lettere collabora ai «Cahiers du Cinéma» insieme a A. Bazin, J.-L. Godard, F. Truffaut e E. Rohmer con il quale, nel 1957, scrive a quattro mani un saggio su A. Hitchcock di cui entrambi sono entusiasti ammiratori. Nel 1958 sceneggia, dirige e produce (grazie a un’eredità ricevuta dalla moglie, l’attrice S. Audran) Le beau Serge (1959), intenso melodramma dalle atmosfere poliziesche, preciso e puntuale nella descrizione dell’ambiente sociale e ricco di notazioni psicologiche, che viene premiato al Festival di Locarno ed è spesso citato come capostipite della futura Nouvelle vague. Il successivo I cugini (1959) mostra ancora... Approfondisci
  • Stephane Audran Cover

    Nome d'arte di Colette Suzanne Dacheville, attrice francese. Il suo nome è strettamente legato a quello del regista C. Chabrol, suo ex marito, per il quale interpreta quindici film tra i quali spiccano Landru (1963), Les Biches - Le cerbiatte (1968), Il tagliagole (1969), in cui è una maestra di scuola che si innamora di un macellaio killer, e Violette Nozière (1978) a fianco di I. Huppert. Dotata di una bellezza sottile e solare e di un timbro interpretativo molto elastico, la A. lavora anche con L. Buñuel (Il fascino discreto della borghesia, 1972), B. Tavernier (Colpo di spugna, 1981) ed è la protagonista del Pranzo di Babette (1987, Oscar come miglior film straniero) di G.?Axel. Approfondisci
  • Michel Bouquet Cover

    Attore francese. Studia arte drammatica ed esordisce nel 1947, ma è negli anni ’60 che il suo personaggio trova i ruoli più giusti soprattutto nei caratteri complessi e ambigui dei film di C. Chabrol, fra i quali spicca Stéphane, una moglie infedele (1968), in cui interpreta un marito tradito che uccide il rivale. Lo si ricorda anche nel ruolo di una delle vittime della terribile vendetta di La sposa in nero (1968) di F. Truffaut e in quello del fanatico commissario di Due contro la città (1973) di J. Giovanni. Fra i film più recenti: Toto le héros (1991) di J. Van Dormael e Il manoscritto del principe (2000) di R. Andò, in cui interpreta il personaggio di G. Tomasi di Lampedusa. Approfondisci
  • Maurice Ronet Cover

    Nome d'arte di M. Robinet, attore e regista francese. Formatosi con J.-L. Barrault e al Conservatoire di Parigi, debutta nel cinema con Le sedicenni (1949) di J. Becker. Interprete colto e misurato, attraversato da un profondo pessimismo esistenziale, si trova a suo agio in personaggi tormentati dall'angoscia, come nei due film di L. Malle Ascensore per il patibolo (1958), dove è l'amante di J. Moreau, coinvolto nell'omicidio del marito, e Fuoco fatuo (1963), in cui è un ex alcolista che dopo un'ultima visita a persone e luoghi della sua vita, si suicida. Nel 1959 interpreta il thriller Delitto in pieno sole di R. Clément, da un romanzo di P. Highsmith, e lavora poi con C. Chabrol in Le scandale - Delitti e champagne (1967) e Stéphane, una moglie infedele (1968), dove è ancora un amante, questa... Approfondisci
Note legali