Traduttore: S. Tummolini
Editore: Fazi
Collana: Le strade
Anno edizione: 2012
Pagine: 332 p., Rilegato
  • EAN: 9788864112367

97° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Polipetto

    13/12/2017 16:33:00

    Vorrei poter leggere piu´ spesso libri come questo.. Assolutamente stupendo

  • User Icon

    Simona

    20/11/2017 03:09:43

    Quasi sicuramente il libro più noioso letti sinora. L'ho letto fino alla fine perché volevo davvero trovare uno spunto per comprendere tutte queste recensioni positive. Pallosissimo come pochi. Non lo rileggersi nemmeno fosse l'ultimo libro sulla terra. Peccato non poter dar 0 come voto.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    21/10/2017 09:18:59

    La figura di William Stoner, questo figlio di agricoltori che hanno lottato sempre e solo per sopravvivere, portati ad accettare la loro condizione con rassegnazione, si identificava e si identifica con quella di un uomo qualunque, come la sua vita è una vita qualunque, senza gesta memorabili, senza eroismi, insomma una vita come quella che è propria di ognuno di noi. Stoner riesce a lasciare la desolazione della campagna laureandosi e quasi per caso scopre la sua vera vocazione di insegnante, si sposa con la prima donna che ha occasione di conoscere e non sarà un bel menage coniugale, riesce perfino ad avere un’amante per un breve periodo, ha contrasti con un collega prevaricatore nell’università in cui entrambi insegnano, arriva alla vecchiaia e in prossimità di quella pensione che non potrà tuttavia godere. Come un giunco sotto la forza del vento, Stoner si piega, ma non si spezza, certo potrebbe anche opporsi al destino, almeno in alcuni casi, ma non lo farà, come non lo facciamo noi, poco propensi a rincorrere l’incerto restando adagiati in un certo che non ci soddisfa, ma con il timore che cambiare sia peggio. All’inizio della lettura Stoner sembra un personaggio del tutto anonimo, una comparsa quasi, ma, mentre si procede, ci accorgiamo della sua personalità, delle sue miserie e delle sue grandezze, diventa sempre più familiare, troviamo in lui caratteristiche che ci accomunano, Stoner è solo uno di noi. E come ciascuno ha una valvola di sfogo alle vicissitudini della vita, come per esempio chi trova nella religione la forza per vivere e superare le avversità, Stoner ha una sua religione, laica, la letteratura, un’arte in cui immergersi e costruire un proprio mondo, un’arte a cui ha contribuito con una pubblicazione ed è questa pubblicazione che prende con difficoltà in mano negli ultimi istanti della sua vita, ma che sfuggirà dalle sue dita con l’ultimo respiro.

  • User Icon

    Livia C.

    26/09/2017 14:36:17

    1965. I Rolling Stones registrano per la prima volta (I Can't Get No) Satisfaction. 1965. Nascono i Doors. Jim Morrison prende ispirazione da una frase di W. Blake contenuta in un libro, The Doors of Perception: « If the doors of perception were cleansed, everything would appear to man as it is: infinite. » (Se le porte della percezione fossero purificate, ogni cosa apparirebbe all'uomo come è: infinita.). 1965. Viene pubblicato per la prima volta “Stoner”, il terzo romanzo di John Edward Williams (pubblicato per la prima volta in Italia nel 2012). Cosa hanno in comune le porte spalancate sull’infinito, l’insoddisfazione delle pietre che rotolano sul rock e il professor Stoner? Si potrebbe tranquillamente rispondere: assolutamente nulla. Cosa ci può essere di più lontano dall’urlo rauco e incandescente di una chitarra elettrica e dalla poesia maledetta di un re Lucertola, del racconto della vita impercettibile di un professore di Letteratura dell’Università del Missouri tra il 1910 e il 1956, il cui unico estro consiste a 20 anni nel decidere di inseguire sommessamente, e fino alla morte, lo stesso sonetto di Shakespeare? Di nuovo, assolutamente nulla. Ma Charles J. Shields nel suo libro «L’uomo che scrisse il romanzo perfetto» ci racconta che Williams scrisse a un amico: «Stoner sopporta troppo, accetta troppo e non lotta abbastanza, ma se questi sono vizi, sono vizi che incarnano semplicemente il rovescio di certe virtù – virtù che gli permettono di resistere in un mondo a spese della sua felicità in un altro». Ecco ciò che lega Stoner con le pietre e le porte. La resistenza al mondo. C’è chi ha resistito urlando la propria insoddisfazione in una canzone, chi lo ha fatto facendo morire la propria poesia in una vasca da bagno, Stoner resiste lasciandosi sconfiggere, ma non spezzare, dal proprio destino, e regalandoci un magistrale ritratto di umanità, che per quanto ci possa sembrare distante, è invece resistentemente vicino alle “Rolling Doors” che tanto amiamo.

  • User Icon

    Stefania

    10/09/2017 16:51:27

    Bello, bello...una vita semplice ma descritta in maniera mirabile. Fa capire come l'arte di saper scrivere bene, puo' rendere appassionante ed accattivante una vita modesta. Da leggere

  • User Icon

    Nella

    07/09/2017 08:38:22

    Un capolavoro. C'è, in questo libro, una vita descritta con maestria, in profondità, coi suoi drammi (Stoner è violentato dalla vita) e la tentata ribellione di un amore.

  • User Icon

    Fabio

    23/08/2017 15:06:13

    E' un libro bellissimo. Non è tanto la storia raccontata a catturare il lettore, quanto la straordinaria qualità della scrittura di Williams, che evidenzia in maniera netta anche la natura poetica dello scrittore, che assurge nella profonda descrizione degli ambienti esterni che fanno da contorno alla vita di Stoner. Personaggio al quale il lettore, sin dalle prime pagine del libro, non può non affezionarsi. Riesce a suscitare sentimenti contrastanti, compassione, solidarietà, tristezza, ma anche rabbia, perchè il lettore stesso, man mano che le pagine si susseguono, spera che il professore riesca a ribellarsi alla sua condizione di infelicità e quindi cambiare la sua vita. Ma forse Stoner aveva fatto incosciamente la sua scelta già da bambino, segnato, forse, dalla durezza della vita di Boonville, e dalla convinzione dell'immutabilità di una infelice esistenza, che non lo abbandonò nemmeno quando incontrò l'amore. Libro commovente e struggente. Imperdibile.

  • User Icon

    alex

    22/08/2017 08:50:17

    Adesso so che se vorrò far felice qualcuno potrò regalargli questo libro, una delle migliori storie di sempre.

  • User Icon

    Marco

    29/10/2016 14:39:11

    Un vero capolavoro. Una storia normale che però ti prende dall'inizio alla fine. Imperdibile.

  • User Icon

    Giusy Spinelli

    19/09/2016 09:04:50

    Struggente. Emozionante. Mi ha graffiato l'anima e trafitto il cuore. Un libro che non dimenticherò mai! Consigliato!!!

  • User Icon

    ZZ70

    08/08/2016 14:42:44

    La storia di un uomo apparentemente mesto, debole e accondiscendente, che pagina dopo pagina si rivela deciso, ostinato e individualista. La passione per lo studio e l'insegnamento che lo sostiene fino alla fine caratterizza questo personaggio. I sentimenti non sono mai veramente in primo piano, non l'amore per la figlia, non la passione per l'amante, non l'amicizia e l'invidia dei colleghi, tantomeno il vuoto affettivo di e per la moglie. Tutte figure un po' vuote e mai approfondite, ma funzionali al racconto della vita di Stoner. Una vita così.. magari noiosa e davvero poco eccitante .. ma che grazie alla maestria del suo narratore squarcia i pensieri e le emozioni di chi la legge. Godibile.

  • User Icon

    L.

    16/07/2016 19:34:01

    Un personaggio molto arrendevole, lo si legge proprio per sperare in un sussulto, in una ribellione, invece fino alla fine rimane coerente con se stesso.

  • User Icon

    And the Oscar goes to ....

    12/06/2016 08:02:52

    Mi sono deciso a leggerlo con titubanza perchè spesso libri così pubblicizzati sono una delusione. Quello che stupisce è come possa una storia tanto semplice tenere il lettore così attaccato e voglioso di andare avanti. Consigliato.

  • User Icon

    Michela

    07/06/2016 09:33:43

    A me è piaciuto tantissimo e l'ho letto tutto d'un fiato, nonostante non ci sia nulla di straordinario, a ben pensarci. La scrittura è scorrevole, semplice, adatta a tutti. La storia di Stoner tocca l'anima, troppo simile a tanti di noi, gente ordinaria, in un mondo dove i mediocri vanno avanti e gli onesti pagano la loro integrità sopravvivendo a stento. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Laura88

    13/03/2016 13:32:37

    Non so cosa dovessi aspettarmi da questo libro: almeno che fosse appassionante. Tutto il libro, la vita, la narrazione sono di una passività unica. Il protagonista non fa mai niente per cambiare la sua vita: l'infelicità e la rassegnazione nel non poter cambiare nulla permangono costantemente. Questo è quello che mi fa arrabbiare di più! Non riesco ad accettare questo comportamento, mi fa venire voglia di urlare e di scrollare quel bambolotto che è Stoner!

  • User Icon

    Paolo

    03/03/2016 09:42:57

    La straordinaria storia di un uomo ordinario. La semplicità di scrittura, senza troppi fronzoli, rende il romanzo reale, concreto, ed emozionante. Letto quasi per caso, attirato dall'enorme pubblicità e talle tante critiche positive, e l'ho trovato davvero intenso.

  • User Icon

    Stefania

    21/02/2016 01:30:19

    La recensione che Peter Cameron fa al termine del romanzo è semplicemente eccellente.... un romanzo straordinario che racconta la vita di un uomo che di straordinario non ha apparentemente nulla.... In realtà nell'anima di Stoner ci sono emozioni e sentimenti straordinari ma la sua indole e la sua innata rassegnazione lo inducono a non esplorarli.... si prova tanta dolcezza nei confronti di quest'uomo quanta rabbia.... si scorrono voracemente le pagine in attesa di una "riscossa"..... ma..... Per queato non riesco a dare il massimo nel voto. Incanto e amarezza.... queste sono le sensazioni che sto provando adesso che ho terminato questa lettura. Stilisticamente il romanzo è bellissimo... Cameron si dice "sbalordito dalla qualità della scrittura, dalla sua pacatezza e sensibilità, dalla sua implacabile chiarezza abbinata a un tocco quantomai delicato".

  • User Icon

    Holden non più giovincello

    20/02/2016 16:20:57

    Va bene, ci sono cascato: l'ho comprato e letto ben disposto dalle (troppo) numerose lodi spiattellate in quarta di copertina. Mi sembra però abbastanza chiaro che - per quanto sia un'opera discreta - non è affatto il capolavoro sbandierato con così tanto clamore. Non è una questione di trama, ma di stile poco pulsante e personaggi le cui motivazioni non sono chiare. Il protagonista stesso è a tratti inintelligibile, si fatica a trovare terreno comune, i dialoghi sono spesso evanescenti. Pagina dopo pagina le aspettative create ad arte (non dall'autore, beninteso, ma dalla campagna pubblicitaria) finiscono per irritare oppure per farci alzare le mani e dire che , sì, è un "capolavoro letterario".

  • User Icon

    Federica

    28/01/2016 17:09:33

    Il piccolo miracolo dell'autore sta nell'aver scritto un romanzo che si legge quasi d'un fiato su un personaggio che non ha nulla di speciale e non fa nulla di eroico o avventuroso nel corso della sua vita decisamente ordinaria.

  • User Icon

    luciano

    07/01/2016 22:37:04

    La vicenda di Stoner è la vicenda di molti uomini che attraversano la vita senza infamia e senza lode, che si trovano a combattere sul posto di lavoro con superiori ( Lomax) permalosi, frustrati che mettono i bastoni tra le ruote, che si arrabattano come possono con una moglie ( Edith) nevrotica, prepotente, vendicativa verso la quale non provano nessun tipo di affetto e nessuna stima, che per pochi mesi trovano il grande amore ( Katherine) a cui rinunciano per quieto vivere, che pur amando di un amore profondo la figlia ( Grace) non sanno strapparla, è questa la grande colpa di Stoner, dagli artigli di una madre-strega che le rovinerà la vita. Stoner di una cosa è grato alla vita, il suo lavoro all'università: "Non so cosa avrei fatto se non fossi stato un insegnante". E' un romanzo in cui manca il pur minimo spiraglio di speranza.

Vedi tutte le 197 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

"Questo in me tu vedi, che fa il tuo amore più forte…". William Stoner, studente di Agraria iscritto all'Università del Missouri nel 1910, ascolta il sonetto di Shakespeare letto ad alta voce dal docente di inglese, Archer Sloane. Cresciuto in una piccola fattoria vicino a Columbia, sede dell'università, e dapprima destinato ad allevare mucche e maiali e a lavorare la terra, in quel momento William capisce che deve prendere un'altra direzione. Niente a che fare con una vocazione o con l'ambizione; quella di Stoner è la scelta che sente, perentoria e, al tempo stesso, paradossale perché definita la più "reale" possibile: vivere "fuori dal tempo", nella letteratura, dove "Tristano e la dolce Isotta gli sfilavano sotto gli occhi; Paolo e Francesca vorticavano nel buio incandescente; Elena e il radioso Paride, amareggiati dalle conseguenze del loro gesto, spuntavano dal buio". Niente di retorico, però. Stoner è come il suo nome, semplice e squadrato come la pietra in tutto ciò che fa. Incoraggiato da Sloane, che però non vive abbastanza a luogo per sostenerlo fino in fondo (soprattutto contro la prepotenza e la corruzione dei colleghi), William continuerà con il dottorato e con la docenza senza mai arrivare ai vertici della carriera, avrà un buon rapporto con gli studenti, e sposerà Edith, graziosa giovane "dal viso dolce e affusolato" ma arida e incapace di dargli molto altro al di là della rispettabilità e di una figlia. Eppure, in questo personaggio c'è di più, qualcosa che si concede e si svela a poco a poco, proprio a partire dall'apparente, quasi insulsa, tetragonia. È qualcosa di estremamente forte e appassionante, a dispetto dell'asciuttezza del carattere di William e del testo che lo racconta (ben tradotto in italiano da Stefano Tummolini). È quello che lui vede, come suggerisce il sonetto, e che – malgrado tutto – fa il suo amore più forte. Il romanzo racconta la vita di Stoner da quando ha diciannove anni, nel 1910, alla sua morte, nel 1956. Mezzo secolo, due guerre mondiali, crudeltà e insensatezze, il tempo che passa troppo in fretta e che sembra scivolare via senza lasciare traccia e, tutto sommato, senza particolare significato, fuori dal piacere, "triste e ironico", che "alla lunga tutte le cose – perfino ciò che aveva imparato e che gli consentiva quelle riflessioni – erano futili e vuote, e svanivano in un nulla che non riuscivano ad alterare". E, parallelamente, il lavoro di Stoner nell'università: "indefesso" (termine che i colleghi usavano "a metà tra l'invidia e il disprezzo"), un'onestà cocciuta e sobria, la passione mai ostentata né clamorosa per la letteratura, per quell'Inghilterra tra Due e Cinquecento che sembra lontanissima ma anche lì a due passi. E, poi, un amore, anch'esso raccontato con la massima asciuttezza e la massima intensità insieme. La storia di William con la studentessa Katherine rappresenta una buona approssimazione a un amore perfetto: è reciproco, fisico e spirituale ("'Lussuria e conoscenza'", disse una volta Katherine, 'È il massimo che si può avere, giusto?'"), e ricongiunge con pochi gesti e vivaci parole quel pregiudizio che da sempre tende a separare gli individui, "secondo cui, in un modo o nell'altro, la vita della mente e la vita dei sensi sono separate, anzi addirittura nemiche". Eppure, inevitabile come è iniziato, questo amore deve inevitabilmente concludersi. Fin dalla giornata "calda e polverosa" in cui, diciannovenne, viaggia dal paese dove è nato, Booneville, a Columbia, prima a piedi, poi accettando un passaggio su un carretto di un contadino, con i pantaloni rossi di terra fino alle ginocchia, passandosi le dita tra i capelli "irti e polverosi, che non ne volevano sapere di tornare giù", Stoner è abituato a non chiedere niente alla vita. Quel che può e deve fare, senza consegnarsi alla rassegnazione, è vedere e andare avanti, in un viaggio limitato nello spazio (mai tanto più in là di Columbia e Booneville) e appena un po' esteso nel tempo, con la sensazione di trovare, proprio alla fine, "tutto il tempo del mondo". E Stoner, "come ogni viaggiatore, sentiva di dover fare molte cose prima di partire, ma non riusciva a ricordare quali fossero". Chiara Lombardi