Storia del movimento operaio negli Stati Uniti 1861-1955

Richard Boyer,Herbert Morais

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: V. Gallotta
Curatore: M. Maffi
Editore: Odoya
Collana: Odoya library
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 8 marzo 2012
Pagine: 560 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788862881326

€ 20,39

€ 24,00
(-15%)

Venduto e spedito da Emozioni Media Store

Solo una copia disponibile

+ 5,75 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 24,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un racconto semplice e dettagliato. Un flusso di singole storie, a volte strazianti e dolorose, di lavoratori che lottano per il riconoscimento dei loro diritti. Questo libro (in Usa vanta 3 edizioni e 27 ristampe) rappresenta il tentativo di dimostrare che nel movimento operaio americano - dalla milizia antischiavista delle origini alla crociata per le otto ore e alla lotta per il sindacalismo d'industria; da Parsons a Debs a Lewis - corre un'ininterrotta vocazione unitaria e classista più volte sconfitta, spietatamente repressa o tradita. Dominata da questa lucida consapevolezza delle potenzialità egemoniche del mondo del lavoro negli Stati Uniti, questa ricostruzione rifiuta la limitazione a "storia sindacale": la storia della società, e soprattutto quella esemplare dello sviluppo monopolistico e imperialistico del capitalismo nordamericano, trovano qui il posto che spetta loro, accanto alle analisi dei movimenti popolari, delle organizzazioni e delle tecniche sindacali. In queste pagine l'eloquenza dei fatti parla più chiaro della stessa ideologia rooseveltiana che la sottende; e proprio per questo esse riescono a trasmettere un'immagine largamente inedita e più articolata del movimento operaio, della società, del destino americano. Prefazione di Valerio Evangelisti.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    erreesse

    09/08/2012 16:35:38

    Testo di grande interesse, che ci racconta aspetti della storia degli Stati Uniti raramente messi in evidenza. Come si evince dal titolo, è un libro di quasi sessant'anni fa, ma per diversi aspetti attuale, oggi che i movimenti dei lavoratori sono così in difficoltà. Un punto di debolezza del volume è, a mio parere, la sopravvalutazione del New Deal; ma questo va collocato nel momento in cui l'opera venne scritta. Anche in questo caso un editore non fra i maggiori ha dato un contributo importante alla circolazione delle idee in Italia.

| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali