Categorie

Paolo Spriano

Editore: Einaudi
Edizione: 2
Anno edizione: 1971
Pagine: XIII-362 p. , Rilegato
  • EAN: 9788806304522

I fronti popolari, Stalin, la guerra: il sottotitolo di questo terzo volume dell'opera di Paolo Spriano indica l'orizzonte internazionale in cui si colloca la vicenda storica dei comunisti italiani dal 1935 in avanti. è l'epoca dell'impresa abissina, della guerra civile spagnola, di Monaco, dell'attacco nazista alla Polonia, dello scoppio della conflagrazione generale. E sono gli anni in cui si gettano tutte le premesse della Resistenza e della lotta per la Repubblica (che l'autore esaminerà nel volume conclusivo della sua ricerca).L'orizzonte internazionale determina anche lo sviluppo della lotta all'interno del Paese contro la dittatura fascista. Una delle caratteristiche di questo terzo volume è proprio di mostrare - con una documentazione amplissima - il nesso reale tra il processo unitario dell'antifascismo italiano emigrato nella Francia del fronte popolare e sui campi di battaglia di Guadalajara, di Brunete, dell'Ebro, e il sorgere in Italia di un «nuovo antifascismo» animato dai giovani.Si tratta di un movimento generale che ha in sé una dialettica assai complessa: il lettore vedrà che tutti i temi che si porranno nella prospettiva della Resistenza, da quello dell'unità di azione tra socialisti e comunisti a quello della Costituente, dal rapporto tra lotta democratica e lotta socialista a quello con gli alleati occidentali o con l'Urss, già sono anticipati tutti qui: nei dibattiti dei gruppi dirigenti all'estero o nella cattività, nell'iniziativa cospirativa, nella riflessione di Gramsci morente.Il tema di Stalin, dello stalinismo, emerge in modo non meno centrale. Spriano l'ha sviluppato tenendo a fuoco le sue contraddizioni e i suoi effetti nel quadro di un'Europa percorsa e percossa dal nazismo: ha analizzato novità e limiti del VII congresso dell'Internazionale comunista, ha rievocato i processi di Mosca nella loro allucinante dinamica e nella eco che suscitano presso l'o pinione pubblica e tra i militanti, fino alle repressioni condotte nelle file dei vari partiti. Ma ha soprattutto individuato nella vita della direzione comunista italiana nel 1937-39, nella sua crisi, il momento della massima contraddizione.
In questo generale dramma, trovano il loro rilievo i protagonisti della vicenda: da Stalin a Trockij, da Togliatti a Rosselli, dai piú noti dirigenti politici (Longo, Nenni, Di Vittorio, Saragat, Grieco) alle migliaia di combattenti garibaldini in Spagna. Il famoso slogan di Rosselli, «Oggi in Spagna domani in Italia», qui riceve un significato nuovo. è la Spagna a svegliare una nuova generazione, a dare significato alle scelte di un Vittorini, di un Giaime Pintor, a provocare i primi pronunciamenti antifascisti di massa nelle periferie operaie delle grandi città del Nord come nelle campagne emiliane. Tutta una storia sinora largamente sconosciuta, narrata attraverso testimonianze di grande valore: come le lettere inedite di Trockij e di Rosselli, i verbali e le dichiarazioni che chiariscono il «caso Curiel», i dibattiti dei confinati di Ventotene sulla natura della guerra.

Introduzione. I. Un periodo di "guerra di movimento". II. La linea del VII congresso. III. Fascismo e antifascismo dinanzi alla guerra d'Etiopia. IV. I fronti popolari e lo scoppio della guerra di Spagna. V. I "fratelli in camicia nera". VI. Cominciano i processi di Mosca. VII. Il battaglione Garibaldi: Guadalajara. VIII. La morte di Antonio Gramsci. IX. La lotta al trockismo e le repressioni. X. La semina comunista in Italia. XI. La crisi dei fronti popolari e l'unità d'azione. XII. La "vigilanza rivoluzionaria". XIII. Si scioglie il Comitato centrale del PCI. XIV. Il dramma spagnolo prima e dopo Monaco. XV. Curiel e le "forze progressive" in Italia. XVI. L'aggrovigliata vigilia. XVII. La svolta del patto germanico-sovietico. XVIII. I comunisti e la guerra. XIX. Piú la notte è fonda... Indice dei nomi.