La storia dell'elefantino Babar / Sinfonia dei Giocattoli - CD Audio di Francis Poulenc,Leopold Mozart

La storia dell'elefantino Babar / Sinfonia dei Giocattoli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Bottega Discantica
Data di pubblicazione: 22 novembre 2004
  • EAN: 8015203101166
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 14,50

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Poulenc - La storia dell'elefantino babar
2
Collodi - Enrichetto dal ciuffo
3
L.mozart - sinfonia dei giocattoli
4
L.mozart - sinfonia dei giocattoli
5
L.mozart - sinfonia dei giocattoli
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francis Poulenc Cover

    Compositore francese. Studiò con il pianista R. Viñes e più tardi con C. Koechlin. Fece parte del gruppo dei Sei, portando un contributo originale a quella poetica neoclassica che si veniva formulando a Parigi negli anni del dopoguerra. Le sue composizioni, pervase da uno spirito e da una leggerezza squisitamente francesi, appaiono estranee alle contemporanee ricerche linguistiche delle avanguardie, mirando invece a tradurre in stagliata, ironica chiarezza le sfumate e indefinite atmosfere dell'impressionismo. Accanto al gusto dello scherzo e dello svagato umorismo è spesso presente una vena di meditativa malinconia, che si esprime tra l'altro nelle pagine più raccolte delle opere teatrali Les dialogues des carmélites (I dialoghi delle carmelitane, 1957, da Bernanos) e La voix humaine (La... Approfondisci
  • Leopold Mozart Cover

    Compositore e violinista austriaco. Compiuti gli studi classici ad Augusta, sua città natale, si trasferì a Salisburgo per studiarvi teologia. Vi esercitò invece la professione di musico nella cappella arcivescovile. Compose musica sacra, sinfonie, concerti e musica da camera, e non tardò ad adottare lo «stile galante». Fondamentale è il suo metodo di violino (1756), subito diffuso in tutta Europa in varie traduzioni e considerato, insieme con i trattati di J.J. Quantz e di Ch.Ph.E. Bach, uno dei capisaldi della letteratura teorica settecentesca. Ma il maggior titolo di merito di Leopold è di essersi accorto subito del genio del figlio Wolfgang Amadeus, e di averlo saputo coltivare. Approfondisci
Note legali