Categorie
Editore: Jaca Book
Anno edizione: 1992
Pagine: 96 p.
  • EAN: 9788816430242
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 4,39

€ 5,16

Risparmi € 0,77 (15%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Roda, S., L'Indice 1993, n. 4

Dopo una sorta di quasi fisiologico rallentamento, sembra aver ripreso vigore negli ultimi tempi il dibattito sull'"autonomia" del tardoantico e sul senso storico profondo del suo rapporto fra la romanità altoimperiale da un lato e l'alto medioevo dall'altro. La discussione oggi tendenzialmente privilegia - in contrasto con la precedente diffusa affermazione di diversità, che rivendicava al tardoantico uno spazio indipendente di pari rilievo all'interno della tradizionale scansione cronologica delle epoche storiche - gli elementi di continuità con l'età romana. Al di là di una querelle, che pur nella sua legittimità non sfugge però al rischio di mostrarsi talvolta oziosa o addirittura pretestuosa, è un dato di fatto che gli studi sulla tarda antichità sono tuttora in fase di piena fioritura e che un numero sempre maggiore di studenti e ricercatori si indirizzano a questo periodo e lo preferiscono, nel caso di studenti provenienti dai corsi di storia antica, ad altri periodi più tradizionali. Con questa constatazione si apre appunto il volumetto dell'EDO (Un'Enciclopedia d'orientamento), a cura della Cameron, dedicato alla storia dell'età tardoantica e che si affianca - marcando con ciò stesso una precisa scelta di campo - ad analoghi volumetti dedicati rispettivamente alla storia greca e romana (M. Sordi) e alla storia medievale (O. Capitani). Proprio la progressiva diffusione degli studi tardoantichi, del resto, conferma l'opportunità di presentare in forma a tutti accessibile e correttamente divulgativa un sintetico panorama dei temi, dei problemi, degli strumenti di approccio e conoscenza, delle metodologie e delle prospettive di ricerca di un ambito di indagine storica la cui specificità, quanto meno sul piano epistemologico e metodologico, appare in ogni caso ben difficilmente contestabile.