Uno studio non a torto ritenuto fondamentale, che continua a dare efficacemente i suoi frutti, in cui Venturi risale il corso mutevole della riflessione sull'arte per illuminarne i momenti cruciali, via via restituendo la condizione delle arti figurative nella storia.
La Storia della critica d'arte di Lionello Venturi segnò contemporaneamente una svolta negli orientamenti metodologici del grande critico e un importante momento nel dibattito storico e teorico-artistico, conoscendo diverse edizioni in varie lingue sin dalla sua comparsa, nel 1936. In questo testo, non a torto ritenuto fondamentale e che continua a dare efficacemente i suoi frutti, Venturi abbraccia un vastissimo periodo che va dall'età classica a quella contemporanea. E la ricerca è tanto piu ampia in quanto non si limita soltanto a quegli scritti che appartengono esplicitamente alla "letteratura artistica", ma vuole offrire una concisa storia delle idee, delle teorie, dei giudizi, delle prese di posizione che in qualche modo riguardano le arti figurative. L'atteggiamento di scrittori, pensatori, filosofi, artisti è analizzato da questo punto di vista con l'intento di risalire il corso mutevole della riflessione sull'arte illuminandone i momenti cruciali e di restituire via via la condizione delle arti figurative nella storia.

Prefazione di Nello Ponente. Introduzione. - I. Greci e Romani. II. Il medioevo. III. ll rinascimento. IV. Il periodo barocco. V. Illuminismo e neoclassicismo. VI. Romanticismo e medioevo. VII. La filosofia idealistica e la storia dell'arte. VIII. Filologi, archeologi e conoscitori nei secoli XIX e XX. IX. La critica francese nel secolo XIX. X. La critica d'arte e la pura visibilità. XI. La critica sull'arte del secolo XX. -Commiato. -Bibliografia. -Indice dei nomi.