Storia della filosofia medioevale

Luciano De Crescenzo

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2002
Pagine: 164 p.
  • EAN: 9788804502913
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,56

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alberto

    27/09/2004 17:28:16

    De Cresenzo non è più quel grande divulgatore della Storia della Filosofia greca, veramente bella e completa, ma un superficiale intrattenitore da bar, che può anche tralasciare dati importanti per raccontare questo o quell'aneddoto. Inoltre non capisco perché debba inserire due filosofi palesemente inventati e mai esistiti (Agenore Cupio e Aimone), avendo pure la faccia tosta di dire, a proposito di uno dei due, che se l'è fatto raccontare da un amico professore di filosofia, ma non l'ha mai trovato attestato in alcuna storia della Filosofia. ROBE DA MATTI!!

  • User Icon

    Elassar

    30/08/2004 22:49:04

    chi parla male di questo libro non ha evidentemente capito la grandezza del periodo storico e la grande impresa in cui si è cimentato l'autore: questo è un vero e proprio sfoggio di capacità del saper affrontare la religione in un periodo storico (il nostro), basato sullo scetticismo e il cinismo

  • User Icon

    Davide Gorga

    22/06/2003 22:52:27

    L'autore altera i termini cronologici del Medioevo a suo piacimento, per cui scopriamo che al termine di quest'epoca l'America non era stata ancora scoperta, il Magnifico doveva ancora nascere, Granada era ancora in mano ai "Mori". A parte questo, un libro banale e talvolta dai contenuti palesemente falsi, come la descrizione della condizione femminile. Per fortuna possediamo documenti dell'epoca (es. il Processo in Nullità di Giovanna d'Arco) che ci informano che all'inizio del 1400 (pieno Medioevo), se non altro per bisogno di braccia, le ragazze giocavano come oggi, lavoravano con gli uomini, assistevano alle feste assieme ai coetanei, e soprattutto sposavano chi volevano, anche contro il parere dei genitori (cfr. episodio di Toul). Peccato che De Crescenzo questi ed altri documenti non li citi mai, confermando senza motivo e senza documentazione la triste fama dei "secoli bui". Davvero un pessimo libro.

  • User Icon

    andrea

    05/02/2003 17:52:55

    non all'altezza dei precedenti ma pur sempre un ottimo tentativo di divulgazione

  • User Icon

    paolo venturelli

    29/06/2002 17:50:28

    davvero deludente e molto superficiale....

  • User Icon

    ciro piccinella

    21/05/2002 13:07:26

    Un vero e proprio furto. De Crescenzo evidentemente aveva bisogno di soldi. Il libro pare scritto dagli autori degli spettacoli del "Bagaglino" o di "STriscia la notizia". I paragrafi su Gesù , Maometto e Javé sono delle vere e perle di banalità. Non compratelo!!!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

L'ultimo libro di Luciano De Crescenzo è destinato a stupire tutti coloro a cui il Medioevo evoca i fantasmi di un'epoca buia e i ricordi scolastici di un periodo storico ostico e pesante. A quasi vent'anni dalla pubblicazione della Storia della filosofia greca, l'autore napoletano torna a raccontare le idee e gli uomini che hanno cambiato il mondo, dedicando la sua nuova analisi all'epoca "di mezzo". Di quest'epoca, spesso superficialmente tacciata di oscurantismo e superstizione, De Crescenzo svela il volto meno noto e più affascinante, al di là di stereotipi e schematismi. Lo fa utilizzando il suo inconfondibile stile, che associa chiarezza, semplicità e grande vivacità e riesce a coinvolgere anche il lettore meno esperto in materia. D'altra parte, come afferma lo stesso scrittore nella premessa, il libro non è e non vuole essere «una vera e propria storia della filosofia», ma piuttosto «uno sguardo panoramico su alcuni aspetti significativi del Medioevo.» Ecco allora comparire, pagina dopo pagina, non solo un'affollata galleria di pensatori e filosofi illustri, di cui si raccontano la vita privata e le intuizioni, gli atti di coraggio e di viltà, ma anche alcuni capitoli dedicati ai barbari, alla paura dell'anno Mille, a san Francesco e persino alle streghe. Molto di più di una carrellata divertente ed istruttiva, questa Storia delle filosofia medioevale ricostruisce, rendendoli chiari e appassionanti, anche aspetti tormentatissimi dell'epoca, come il rapporto tra fede e sessualità, i misteri del Volto di Dio o la dottrina della predestinazione. Senza dimenticare di evidenziare, al di là dei contrasti e delle diversità, le affascinanti somiglianze tra il nostro tempo e quei secoli burrascosi, in cui è possibile scoprire le radici di molti aspetti e problemi dei nostri giorni.