Storia della fotografia

Beaumont Newhall

Traduttore: L. Lovisetti Fuà
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 1984
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: X-452 p., ill.
  • EAN: 9788806571337

€ 46,75

€ 55,00

Risparmi € 8,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

47 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pietro

    12/01/2018 16:03:37

    Parto con il dire che il libro alla vista si presenta veramente bene, bella l'impaginazione, ottima anche la qualità della carta lucida, la copertina è rigida e vi è anche sovracopertina, il prezzo del libro è altino, ma per me giustificato sia per quanto riguarda la parte estetica che per quanto riguarda i contenuti che si vanno a trovare al suo interno. Tratta la storia della fotografia dal suo nascere in modo chiaro e scorrevole, approfondendo per bene l'Ottocento e la prima metà del Novecento e poi si ferma, e quindi, a parer mio, andrà integrato con altri testi, magari con l'ottimo "Una storia della fotografia del XX e del XXI secolo" di Walter Guadagnini, ovviamente questo è solo un consiglio, poi ognuno faccia ciò che preferisce. In definitiva mi reputo contento e soddisfatto perché ho acquistato quello che reputo un buon libro e che comunque vado a sfogliare spesso e volentieri.

Scrivi una recensione

Cos'è la fotografia? Qual'è, se esiste, il suo proprio "genio"? In quale rapporto è stata, ed è, con le altri arti e soprattutto con ciò che essa rappresenta, con il proprio referente? Molte sono state le domande intorno alla natura della fotografia e alle sue funzioni, molte le ricerche d'insieme e intorno alle sue singole fasi storiche.L'opera qui pubblicata, dopo una prima apparizione nel 1937, fu lungamente meditata in seguito, e nel 1982 uscì, a cura del Museum of Modern Art di New York, in una nuova edizione completamente rivista e arricchita da nuove acquisizioni, soprattutto di figure rilevantissime di fotografi scoperte soltanto in questi decenni. Beaumont Newhall, uno dei massimi specialisti mondiali, è stato organizzatore di fondamentali mostre ed è autore di studi come The Daguerreotype in America, Latent Image, Airborne Camera, che hanno contribuito a illuminare e rendere più operativo, oggi, il discorso intorno al fatto fotografico e a quello artistico, iniziato del resto in modo geniale negli Stati Uniti ai primi del secolo da quella stupefacente figura di fotografo e gestore d'arte che fu Alfred Stieglitz. Una peculiarità del libro è quella di sfuggire ai problemi ontologici e analisi parziali per ricostruire il percorso - dalle origini ad oggi - di una forma d'arte indipendente, valutando tecnica e immagine come parti complementari inscindibili ai fini del risultato. Il dagherrotipo, le carte da stampa e da sviluppo, gli apparecchi portatili e la polaroid, i rayogrammi (per citare solo alcuni dei temi trattati) sono ripresi in streta connessione con le questioni della diffusione e delle funzioni del mezzo fotografico: dal dilettantismo all'istantanea, dalla fotografia artistica a quella documentaria, alle esperienze astratte.Una storia, quindi, dell'evoluzione anche tecnica di un'arte così sostanzialmente legata al proprio mezzo e per decenni negata come tale essendo appunto scienza e arte al tempo stesso.