€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucia Nillo

    21/01/2014 22:57:17

    Più che "Storia di Napoli" dovrebbe intitolarsi "Storia politica di Napoli". Parla quasi esclusivamente di politica, in particolare degli esponenti del comunismo, del socialismo e dell'antifascismo. Mi aspettavo un taglio più ampio.

  • User Icon

    Stefano Dentice

    28/02/2012 22:39:42

    Splendido compendio sulla storia di Napoli e in generale del Meridione d'Italia. Lo stile è piacevolissimo, le informazioni, numerose, sono presentate in modo convincente e a tratti anche entusiasmante. Lo consiglio vivamente a chi voglia farsi un'idea generale di una storia millenaria costellata di bassezze e splendore.

  • User Icon

    Alce67

    01/09/2008 16:11:05

    Pare che la Storia di Napoli sia un susseguirsi continuo di governanti incapaci e arraffoni, contorniati da nobili instupiditi dall'ozio e da un popolino miserrimo e succube. Alla fine, questa eterna mancanza di prospettive ha affossato le mie velleità culturali e ho lasciato il libro agli inizi del '900 (cosciente dele marasma che avrei trovato nelle restanti pagine). Troppo spreco, troppa miseria...

Scrivi una recensione

Dal 1500 alle soglie del terzo millennio, da Consalvo di Cordova e i Borboni fino a Vittorio Emanuele, il fascismo, la guerra e gli americani, il laurismo e il massacro urbano: Ghirelli, con un ritmo incalzante da reportage, disegna un ampio affresco nel quale le vicende politiche si fondono con i rapporti economici e le mutazioni sociali scandiscono il racconto delle miserie e delle glorie quotidiane, da sempre al centro dell'inconfondibile originalitià della cultura napoletana (Serao, Di Giacomo, Viviani, Eduardo, De Simone). Tappe di un percorso che documenta le responsabilitià storiche di una classe dirigente locale e nazionale, che ha contribuito al disfacimento sociale ed economico di Napoli. E che spiega come si è arrivati ad abbandonare questa città nelle mani sempre piú avide della camorra, nonostante le ineusaribili energie culturali e morali.