Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 30/05/2016
Pagine: 826 p.
  • EAN: 9788804667278
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zombie49

    08/12/2017 11:21:56

    Neve Corona Menin nasce a Erto il 6 gennaio 1919, nel cuore dell’inverno più freddo di sempre, e per questo i suoi genitori vogliono ricordare nel nome la coltre bianca che copre il paese. Subito si capisce che è una bambina speciale, non teme il freddo, anzi gioca nella neve, e da neonata è protagonista di due eventi miracolosi: guarisce dalla polmonite il piccolo Matteo, e risana una donna moribonda per le ustioni di una pentola di acqua bollente. Neve, infatti, è la parte buona della strega Melissa, custode di un orribile mondo di ghiaccio, uccisa dai paesani infuriati. Non tutte le guarigioni sono miracolose, però: il padre Felice pensa di sfruttare le capacità della figlia, e con l’aiuto di complici organizza finti miracoli x truffare persone ingenue e disperate. La storia è una fiaba nerissima, una vicenda grandguignolesca di vendette, violenze, stupri, omicidi. Come “Il canto delle manere” è la biografia di una vita intera, quella di Neve ma soprattutto di suo padre Felice accecato dalla cupidigia e privo di qualsiasi codice etico, anche se criminale. E’ una faida infinita e splatter, a ogni episodio ci si chiede quale morte surreale e raccapricciante riuscirà a inventare questa volta Corona. Di sicuro, vendetta e omertà qui non sono il poco invidiabile privilegio della mafia e dell’antica legge albanese del Kanùn. Morte, violenza e sangue però attirano, sempre che la storia non riguardi personalmente, per cui le ottocento pagine di questo romanzo scorrono veloci, pure con qualche ripetizione. Si perde il conto dei morti ammazzati, ma anche l’omicidio può diventare prevedibile. E’ la storia splatter di una comunità intera, come quelle di King, ma qui non ci sono buoni, l’unica figura positiva è Neve, e non manca qualche frecciata alla religione. Nella descrizione di Corona, Erto è il posto dove nessuno vorrebbe vivere, o più probabilmente morire. Eppure, in questa storia, c’è anche poesia, in questa bambina che si scioglie in acqua come la neve.

  • User Icon

    Stefano

    15/05/2017 21:23:23

    A mio avviso, il miglior libro di Corona. Certi personaggi rimangono nel cuore, a volte per la crudezza ed altre per la poesia, ma tutte le storie di questo libro hanno un loro significato.

Scrivi una recensione