La storia di Tewje il lattivendolo

Shalom Aleichem

Traduttore: L. Lattes
Editore: Feltrinelli
Edizione: 4
Anno edizione: 2000
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 ottobre 2000
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788807815997
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Tewje è una delle figure più note e più vive della letteratura ebraica. Vende latte e latticini di casa in casa, in un distretto russo di fine secolo, ed intrattiene con i suoi clienti un rapporto fatto di riflessioni sagge, di storpiate citazioni bibliche e di comprensione per il dolore altrui. "Piccolo eroe positivo" vive la sua odissea quotidiana a contatto con le brutture della vita e della storia, che è quella della diaspora ebraica ma anche quella dell'uomo contemporaneo di fronte al disordine che lo circonda. Eppure Tewje non si scoraggia e affronta con humor arguto tutte le difficoltà, forte di uno stoicismo che trova nel senso comico la sua grande forza. Con prefazione di Gad Lerner.

€ 5,27

€ 6,20

Risparmi € 0,93 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MD

    16/10/2018 08:26:44

    Il romanzo di Tewje fu per Aleykhem un grande successo, in quanto che nelle storie che ruotano intorno a Tewje e le sue figlie, lo scrittore ebbe modo di disegnare un’immagine tragicomica del popolo dello shtetl, proprio nel momento critico del suo svanire. Questi disegni narrativi sono infatti pure una memoria, rimasta intatta nel suo valore e nella grazia del ricordo, di un mondo sul punto di dissolversi, un paesaggio interiore formatosi nella vita di spostamenti e fughe dell’autore: così Mendel dovrà emigrare in America e Tewje si metterà in cammino verso la Palestina. Sono calzanti esempi della dolorosa facoltà di distanziarsi e di sopravvivere alla splendida illusione del nostro passato. La figura di Tewje perciò era per il grande pubblico ebraico un’eccezione luminosa e dava un esempio nel quale identificarsi: un esempio che tuttavia andava oltre il consueto fare, il consueto comportamento e modo di pensare ebraico. Avvincente, per il lettore, fu e rimane, l’umorismo accomodante, e una certa saggezza di natura pratica, quotidiana, che esalta questo idilliaco paesaggio della memoria per impressioni e non vuole abbandonarlo all’oblio.

Scrivi una recensione