Storia segreta della Sicilia. Dallo sbarco alleato a Portella della Ginestra

Giuseppe Casarrubea

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 novembre 2005
Pagine: 352 p., Brossura
  • EAN: 9788845234798
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luca mazzei

    14/02/2007 13:48:58

    Una ricostruzione della strage di Portella della Ginestra attraverso la consultazione delgi archivi dei servizi segreti americani. Bellissimo

  • User Icon

    Alberto

    13/11/2005 18:59:39

    Splendido saggio sulla strage di Portella della Ginestra, su cui solo ora si stanno diradando le nubi del mistero.

Scrivi una recensione

Secondo la versione ufficiale dei fatti, nella Sicilia del 1943-1945 gli americani fecero leva sulla mafia per muoversi meglio sul territorio, utilizzandola temporaneamente quale alleata nella prima fase dell'occupazione; e il 1° maggio 1947, con le sinistre che nell'isola stanno avanzando da tempo, a Portella della Ginestra, il gruppo del bandito Salvatore Giuliano, nemico giurato dei "rossi", spara tra la folla riunitasi per assistere a un comizio. Quest'ultima parte della versione ufficiale ha già da tempo mostrato le proprie crepe: Giuliano non agì di propria sola iniziativa.
Oggi, Giuseppe Casarrubea, forse il massimo esperto della questione, mette in luce i contatti del bandito con alcuni elementi fascisti e, per questo tramite, con uomini dei servizi segreti sia italiani, sia d'oltreoceano. Riceve una serie di rilevanti chiarificazioni il contesto entro cui, nella Sicilia del dopo sbarco alleato, maturarono le condizioni del massacro di Portella. L'idea di fondo, sposata anche da Tranfaglia nell'introduzione al volume, è quella d'una sostanziale continuità, tra il '43 e gli anni della strategia della tensione, nelle strategie di lotta non democratiche poste in essere sotto l'ombrello atlantico contro i comunisti in Italia. Adottando opportunamente una prospettiva che fonde il piano nazionale con quello regionale, Casarrubea dipana la gigantesca matassa dei contatti tra fascisti, agenti segreti, settori della polizia, ambienti clericali, circoli massonici, politici (Sturzo, Scelba, Finocchiaro Aprile), tutti consci del fatto che la mafia debba essere considerata la "forca caudina di molte scelte".
L'Italia, in questi anni, è del resto immersa in un clima di guerra civile latente, con i Far ben organizzati, il Movimento sociale in crescita, e la piena attività di molti ex dell'Ovra, "brodo di coltura della continuità post-fascista". Inizia qui la strumentalizzazione istituzionale dei più combattivi nostalgici del fascismo a fini anticomunisti. Lo stesso dicasi, appunto, della mafia, che gli americani stessi scelgono di mantenere nella posizione di fulcro del "partito dell'ordine" in Sicilia. E se Charles Poletti, capo del governo militare statunitense in Italia dal '43 al '45, elogia apertamente il noto boss mafioso Vito Genovese, già nominato "commendatore del Regno" da Mussolini, le autorità italiane fanno anche di peggio. Ad esempio, nominare nel maggio 1945 ispettore capo di Pubblica sicurezza in Sicilia nientemeno che Ettore Messana, ex questore di Lubiana, classificato dagli alleati come un criminale di guerra: manterrà stretti contatti con i mafiosi. Sono appena due esempi di quel "solidarismo istituzionale" che nei decenni a venire si rivelerà gravido delle più penose conseguenze.
Casarrubea ipotizza addirittura che la banda Giuliano nasca su impulso dell'Ovra stessa, attraverso personaggi quali Selene Corbellini (banda Koch), per poi ricevere copertura dal controspionaggio alleato. È comunque chiaro che contro l'ascesa delle sinistre in Italia si giocò sporco fin dalla caduta del fascismo: su molti livelli, pochissimi dei quali finora toccati dalle indagini giudiziarie.

Daniele Rocca