Editore: Einaudi
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 settembre 2001
Pagine: 133 p.
  • EAN: 9788806157630
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Un ottocentesco quartiere di Budapest divenuto ghetto: questo è l'Ottavo Distretto; e qui due giovani gemelli, Giorgio e Nicola Pressburger, vivono la loro infanzia, tra personaggi, eventi e atmosfere così indimenticabili che i fratelli, diventati adulti, sentono il bisogno di raccontarli. E così in questo libro rinasce il ghetto brulicante di persone e di commerci, in una sinfonia piena di fascino, ironica e nostalgica. Dal bizzarro Leuchtner al truffatore Tibo, di strada in strada, di racconto in racconto, si aggiunge un prezioso tassello di una storia più ampia, di una realtà umana e sociale, storica e culturale destinata a risolversi in una tragedia i cui superstiti si sarebbero dispersi in tutto l'Occidente.

€ 7,02

€ 8,26

Risparmi € 1,24 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniele Castelnuovo-Tedesco

    10/09/2005 22:38:00

    Struggente quadro di una grande capitale europea, Budapest, e di un suo 'cuore' ebraico che non esiste praticamente più, spazzato via dalla seconda guerra mondiale e dal nazismo; i suoi numerosi e svariati abitanti, tra ragione e follia, ricchezza e povertà, grandezza e meschinità, vengono dipinti con toni intimi, mitici e familiari, sempre in bilico fra la tragedia e la consueta ironia ebraica. Letto e divorato in un solo pomeriggio o centellinato parsimoniosamente capitolo dopo capitolo, il libro emana un fascino sottile e profondo che perdura settimane e settimane anche dopo averlo terminato....

  • User Icon

    Daniele Castelnuovo-Tedesco

    10/09/2005 22:37:05

    Struggente quadro di una grande capitale europea, Budapest, e di un suo 'cuore' ebraico che non esiste praticamente più, spazzato via dalla seconda guerra mondiale e dal nazismo; i suoi numerosi e svariati abitanti, tra ragione e follia, ricchezza e povertà, grandezza e meschinità, vengono dipinti con toni intimi, mitici e familiari, sempre in bilico fra la tragedia e la consueta ironia ebraica. Letto e divorato in un solo pomeriggio o centellinato parsimoniosamente capitolo dopo capitolo, il libro emana un fascino sottile e profondo che perdura settimane e settimane anche dopo averlo terminato....

Scrivi una recensione