Storie di primogeniti e figli unici

Francesco Piccolo

Editore: Feltrinelli
Edizione: 3
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 aprile 2007
Pagine: 133 p., Brossura
  • EAN: 9788807814839
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Perché la mamma che un tempo raccomandava al figlio di stare sempre dal lato interno del marciapiede ora che lui ha un fratello minore gli raccomanda di lasciare quello dalla parte più sicura? È quanto si domanda il protagonista del primo racconto, con divertito stupore e con la nuova consapevolezza che sono spesso le piccole cose a dimostrarsi rivelatrici. Questi racconti di infanzie, adolescenze e giovinezze campane ci conducono per mano, con il sorriso a fior di labbra, attraverso storie di vita ordinaria, originate da dettagli e particolari minimi. Ma sono solo apparentemente insignificanti, e svelano una profondità inaspettata sotto la superficie delle cose e degli eventi. Gli episodi sono semplici, gli spunti presi da una pacata, e tuttavia evocativa, quotidianità: un saluto sempre uguale; le caramelle di un tempo che erano un colorante unico; la convinzione tutta meridionale che non piove mai e gli ombrelli non servono. Perché si può anche fissare il dito che indica la luna anziché il cielo per comprendere molte cose.

€ 5,52

€ 6,50

Risparmi € 0,98 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Martini

    01/07/2007 20:48:28

    Dotati di una buona espressività narrativa, i racconti di Piccolo colpiscono per la fluidità e la capacità di riportare a galla situazioni passate, tipiche della adolescenza, senza tralasciare problematiche sociali e ambientali. I racconti di Piccolo sono discontinui, alcuni possono essere considerati davvero riusciti e perfetti nella loro semplicità (su tutti "La maglia numero 11" e "Santino"), altri di buona fattura ("Quando il dito indica la luna), la maggioranza, invece, di discreta routine. A volte sembra che l'autore non abbia molto da raccontare, e cerchi di sopperire alla mancanza di storia con la sua indubbia capacità narrativa. Insomma, Piccolo sa scrivere, ha un stuo stile, semplice e arguto, ma non sempre le storie che racconta sono all'altezza. Credo, però, che sia un autore da seguire attentamente e che in futuro Piccolo possa regalarci prove migliori, di ottimo livello.

  • User Icon

    Nicola Sartorello

    02/03/2002 17:24:36

    Alcuni racconti fanno gridare al miracolo (La maglia numero undici, Quando il dito indica la luna), tanta è la finezza con cui l'autore raccoglie ed interpreta i suoi personaggi e le loro sensazioni. Gli altri racconti, per quanto abbastanza interessanti, non superano tuttavia il fattore noia generato dall'eccessiva prolissità della narrazione, dalla descrizione inutile e ripetitiva di stati d'animo e situazioni vissute. Nel suo complesso, snervante come una lunga permanenza in spiaggia sotto il sole estivo.

Scrivi una recensione


scheda di Siani, C., L'Indice 1996, n.10
(scheda pubblicata per l'edizione del 1996)

La dedica "Ai miei genitori" apposta a questo volume d'esordio di Francesco Piccolo suona come un monito a chiunque abbia responsabilità di giovani e giovanissimi. I nove racconti qui collezionati s'incentrano infatti sull'età evolutiva in rapporto a genitori o autorità vicarie: un padre da recuperare ogni sera al tavolo da gioco ("Santino") o una madre che non capisce il figlio e per tutta la vita lo chiama "sfaticato" ("Il lavoro che avrebbe voluto fare"), così come l'allenatore di calcio pedofilo ("La maglia numero undici"), ma anche le gerarchie interne alle amicizie adolescenziali ("Le estati del rancore"). Piccolo, nato nel 1962, conferma certa propensione della narrativa giovane a dire fatti più che a sperimentar parole; fatti minimali, in sintonia con moderni segni di adolescenza come la "nutella" e il "muretto". Simile ottica permette all'autore di approfondire le proprie reazioni infantili alle parole della madre ("Dal lato della strada"), o di rappresentare con gusto lo sgangherato viaggio di quattro ragazzi che vogliono raggiungere l'America scendendo il Volturno in zattera e attraversando il mare ("Per terre assai lontane"). Nella composizione del racconto, l'autore sembra non sappia negarsi ad alcun motivo si affacci, con rischio di sovraccarico. "Quando il dito indica la luna", ad esempio, vuole tracciare in breve l'educazione sessuale, sentimentale e intellettuale d'uno studente, situazioni sociali scolastiche e domestiche, filosofia del vivere di marca sessantottesca. Maggiore unità ed equilibrio attingono i racconti d'apertura e chiusura, "Dal lato della strada" e "Per terre assai lontane".