The Strife of Love in a Dream

The Strife of Love in a Dream

Francesco Colonna

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Forgotten Books
Formato: PDF
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 9,82 MB
  • EAN: 9780243753468

€ 7,85

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I did not know he wanted it, when it would have been much at his service, for love, and the Menage would not have been justly vexed by extravagance V z'le dawmwe, after all, the loss Of the book, if we look only at the literary merits Of the Hypnerotomaefiz'a in Elizabethan English. The translation is ignorant and unintelligible: a meaning cannot be made out of much Of it, and the sense, when the translator does deviate into sense, is not always that of his original. We have re printed it with absolute fidelity. The idea of altering the punctuation was mooted, but where the translator's meaning was Obscure, the original text cast no light on it whatever; SO any alteration would have been conjectural. Thus the volume reappears with all its sins on its head, except the horrors of its barbarous illustrations. For these miseries, a few examples copied from the original have been substituted. Obvious misprints alone have been corrected, and the text is reproduced from the example in the Bodleian Library at Oxford.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Colonna Cover

    (Venezia 1433 ca - 1527) umanista italiano. Domenicano, il suo nome resta legato a una fortunatissima opera allegorica in prosa, l’Hypnerotomachia Poliphili (a lui attribuita sulla base di un acrostico contenuto nel testo), che uscì nel 1499 per i tipi di Aldo Manuzio e col corredo di 168 xilografie anonime, probabilmente di scuola mantegnesca. L’opera, che è suddivisa in due parti, un viaggio allegorico e una tenue storia d’amore, è infoltita e amplificata da continui riferimenti a un materiale erudito e raffinato: dalla musica all’archeologia, dall’astrologia all’alchimia, all’arte figurativa ecc. Alla varietà dei contenuti e dei concetti, e a una realtà più sognata che descritta, corrisponde uno stile assai complesso, suadente, artificiale e mirifico, che ingloba i lessici e le immagini... Approfondisci
Note legali