Strindberg: una vita

Per Olov Enquist

Traduttore: A. Mazza
Editore: Iperborea
Anno edizione: 1988
Pagine: 288 p., Brossura
  • EAN: 9788870910018
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo

    18/04/2017 16:38:36

    Qualcuno mi dice che leggendo Enquist "non si capisce che cosa vuol dire". Io dico che il suo stile e' unico e magnifico. Non è un verista, questo è sicuro....la sua scrittura è fatta di frasi brevi e decisive, come certe poesie di Kerouac. Non spreca ne parole ne silenzi. In questo che in realtà è il soggetto di una produzione televisiva a puntate, scritto credo nei primi anni ottanta, ci viene restituito uno Strindberg tormentato, si, ma per il quale Enquist non chiede comprensione. Srindberg e' forse pazzo, forse solo esasperatamente sensibile, ma anche borghese nella sua ricerca di consenso e successo, e poi c'è questo amore odio per le donne, che prima ama, poi sposa facendosi marito-padrone insopportabile, misogino, autoritario prima, piagnucoloso e un po' vile poi, quando viene, in modo sacrosanto, lasciato. Non legga il libro chi cerca commenti alla sua opera, che a Enquist qui poco interessa, o meglio la vede come naturale propaggine di un'esistenza sofferta, ricca di grandezza ma avara di vera gioia, nonostante le tre mogli e i cinque figli. È forse proprio il figlio mai nato, quello donato alla "fabbricante di angeli" , a meglio rappresentare il dolore di "una vita" consumata a cercare ad un tempo il consenso (arrivando quasi a "pretendere" il Nobel) e la provocazione politica, con le sue posizioni pseudo-socialiste e anti monarchiche.

Scrivi una recensione