Categorie

€ 9,29

€ 9,99

Risparmi € 0,70 (7%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    STEFANO

    02/06/2016 17.31.20

    Ottimo film , dialoghi diretti supportati dalle immagini dell'ambiente. Mi sono piaciuti molto i primi piani sugli attori.Film sociale e di costume. Ogni personaggio con i suoi difetti cerca di imporre la propria visione della vita anche se talvolta vissuta nella violenza, nel vizio e nella depravazione. La pioggia e il pitbull sintesi del film. GRANDI GLI ATTORI ANCHE COLORO CHE HANNO AVUTO UNA PICCOLA PARTE.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    16/03/2016 20.14.20

    Dopo il bellissimo ACAB, Sollima si cimenta con questo "romanzo criminale". La sua regia è impeccabile, energica, bizantina, fa leva su inquadrature calibrate al millimetro e su una fotografia opulenta. Suburra è una goduria per gli occhi: azzeccato anche il cast, su cui giganteggia Pier Francesco Favino. Il lavoro che Favino opera sulla voce, sulla postura, su uno sguardo che passa dalla morte dell'anima alla virulenza dell'istinto vitale è da Actor's Studio (e da incetta di premi). Lo affiancano un solidissimo Amendola, Germano, untuoso publicist senza spina dorsale; Alessandro Borghi, nitido e potente Numero 8. Inoltre la Gorietti (escort fragile e corrotta) e Greta Scarano; tossica fedele e a suo modo coerente. Questo prodotto è ottimo cinema, ma sceglie di rinunciare alla grandezza, dunque pur nella sua estrema piacevolezza (soprattutto estetica) non sposta in avanti l'arte cinematografica nel suo complesso, né accresce la nostra comprensione della società italiana contemporanea. Eppure Sollima avrebbe tutte le carte in regola per uscire dalla dimensione artigianale e prendere il volo, come ha già dimostrato in Acab, attraverso quella cifra autoriale tutta sua: sporca, ambigua, scorretta come la vita, soprattutto in certi ambiti. La sua grandezza potenziale è visibile in alcuni scambi: quello fra il Samurai e Malgradi. Fra il Samurai e sua madre; fra il Samurai e Numero 8. Non è un caso, essendo il Samurai l'unico padre (ancorché degenere) la cui "idea sopravvive nel cuore" in questa storia di figli i cui i referenti non esistono più, dove tutti tradiscono tutti e nessuno crede più a niente. Poteva essere un capolavoro, ma nonostante tutto mi sento di promuoverlo a pieni voti. Consigliatissimo.

Scrivi una recensione
  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 135 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 16:9
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of): Introduzione - Origini - Volti della Suburra - Trasformazioni - Microcosmi a confronto - Bruciare Ricostruire Bruciare - Manda l'acqua! - Incontri fatali - Disfarsi delle prove - Salire sulla scacchiera - Fughe e inseguimenti - Un gancio e un cross - Vendette (parte prima) - Vendette (parte seconda) - Vendette (parte terza) - Layers Tracking Rigging - Gocce cinesi - Tracciare le linee - Finale