Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Suite lirica. Scritti musicali e letterari - Alban Berg - copertina

Suite lirica. Scritti musicali e letterari

Alban Berg

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Pagine: 516 p.
  • EAN: 9788842802716

€ 35,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


scheda di Arbo, A., L'Indice 1996, n. 7

Alban Berg, come ha affermato Elias Canetti, "non era sordo alle parole".Accanto alla vocazione musicale, fin dagli anni dell'adolescenza è visibile in lui un'inclinazione letteraria nutrita da appassionate letture e dall'esercizio della scrittura.Anche grazie alle esplicite sollecitazioni diSchönberg, tale inclinazione era giunta a un passo dal trasformarsi nella carriera di uno "scrittore di musica".Nel1920 Berg firmava un contratto con la Universal Edition per occuparsi della redazione del "Musikblätter des Anbruch", rivista votata al sostegno della nuova scuola viennese.A impedirgli quella strada dovevano sopravvenire, oltre a una difficile situazione finanziaria, un cedimento fisico provocato da forti attacchi d'asma, dovuti forse alla somatizzazione di una crisi più profonda.E tuttavia in seguito, accanto alla carriera del compositore, Berg avrebbe conservato la passione per lo scrivere, occupandosi, oltre che della presentazione delle composizioni del suo venerato maestro, di commentare fatti, libri, avvenimenti del mondo musicale e culturale. Prezioso documento di questi interessi è questa prima raccolta organica degli scritti in versione italiana comprendente articoli, analisi, inediti e testi poco noti.I materiali sono preceduti da un'introduzione e seguiti da ampie e approfondite schede di commento di Anna Maria Morazzoni.Molti gli spunti degni di attenzione; oltre alle informazioni utili all'inquadramento storico, alle argute analisi, alle rapide e intelligenti sentenze con cui Berg risponde alle domande giornalistiche sulle questioni più generali, un'indicazione necessaria emerge dalla critica rivolta all'"impotenza musicale" dell'estetica di Hans Pfitzner.Di fronte a una prosa che, sorvolando i dettagli tecnici, si lancia in un facile entusiasmo retorico, Berg cerca di recuperare "un rapporto più dignitoso e comunque più oggettivo con la musica".La comprensione non si esercita attraverso "vaneggiamenti puramente sentimentali", ma in una lettura attenta del testo, capace di evidenziare gli aspetti di originalità tanto sul piano estetico quanto su quello strutturale. Altrimenti, nel descrivere l'emozione per le note della Träumerei, rischieremo di comportarci come il funzionario dell'ufficio passaporti che, trovandosi di fronte al ritratto di Schumann, dopo aver registrato i connotati più generici, finirà con l'annotare: "Segni particolari: nessuno".
  • Alban Berg Cover

    Compositore austriaco.La vita. Figlio di un commerciante di Norimberga stabilitosi a Vienna, iniziò in famiglia lo studio del pianoforte. Nel 1904 si impiegò come contabile presso il comune; nello stesso anno iniziò lo studio della composizione con Schönberg. L'incontro con Schönberg, cui B. restò profondamente legato fino alla morte, si rivelò di importanza decisiva per la maturazione artistica del giovane musicista, che in quel periodo fu in fecondo contatto anche con Mahler. Lasciato l'impiego (1906) e terminati gli studi (1910), B. si dedicò alla composizione e all'insegnamento. Fece alcuni viaggi all'estero in occasione di importanti esecuzioni di sue opere. Il suo nome si impose ben presto in tutta l'Europa centrale, e nel 1930 gli fu offerta una cattedra presso l'Accademia musicale... Approfondisci
Note legali
Chiudi