Sul mare

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2010
Supporto: DVD
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 4,00

€ 7,99
(-50%)

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 7,90 €)

Salvatore ama il mare, ha quasi vent'anni e una barca con cui porta la gente a visitare la sua isola, Ventotene. Ha una vita leggera, scanzonata, libera. D'inverno però, quando non ci sono più i turisti, deve andare a lavorare come muratore nei cantieri sulla terraferma. Così, come dice lui stesso, si ritrova a condurre una vita come i "materassi": con un lato estivo e uno invernale. Un giorno conosce Martina, una turista di Genova venuta sull'isola per fare immersioni. I due si innamorano e vivono una struggente storia d'amore; la passione di Salvatore per la ragazza è totale e profonda, diventa tutta la sua vita, il centro di ogni suo pensiero. L'amore fa nascere nel giovane la voglia di dare nuove prospettive alla propria vita. Pieno di progetti di vita e d'amore, Salvatore vive un breve momento di pienezza e di felicità totale fino a quando Martina si rende irreperibile.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    mikz

    23/09/2019 09:22:02

    Pellicola a tratti livida, di umore scarsamente modulabile, raccontata in voice over, raffinata esteticamente e virzìniana nei dialoghi. D'Alatri ha l'ambizione di fare un cinema che respira il "sociale"; dopo l'incursione nelle nuove realtà/incubi della coppia (Casomai), e le divagazioni nel mondo del precariato disilluso e troppo-tardo-adolescenziale (La Febbre), ci propone una pellicola che mantiene sullo sfondo quella sorta di oggetto sconosciuto che è il lavoro nero. on è certo un cinema di denuncia, questo, l'aspetto spettacolare, d'intrattenimento, è sempre in primo piano e non si fa mai dimenticare, ma l'accenno ad una cornice sociale che connota le relazioni - così come il mondo in cui ci muoviamo - dà una prospettiva maggiore alla vicenda. Potrà sembrare una scelta banale, ruffiana, forzata e qualunquista, ma apprezzo questo regista per gli "agganci" che sa dare ai suoi racconti. La stessa storia d'amore messa in scena, quella tra Salvatore e Martina, è metaforicamente una relazione senza "libri paga", instabile, senza garanzie di futuro, senza assicurazione, costantemente frustrata nel momento stesso in cui sembra pronta per uscire allo scoperto. D'alatri è regista tecnicamente maturo, gira in digitale e non disdegna gli effetti speciali elaborati in post-produdizione. Sul Mare ha perciò un carattere visivo spiccato, anche se non sempre omogeneo (dovuto più che altro all'utilizzo di strumenti diversi di ripresa). La pellicola affascina per le scelte di fotografia e per la sceneggiatura bipolare che si concede pure un epilogo metafisico. Si è rischiato il kitsch, ma a conti fatti aveva ragione il regista.

Dramma sentimentale che cova sotto la storia d'amore un'ispirazione da cinema civile

Trama
Salvatore ha vent'anni e due stagioni. Barcaiolo d'estate e muratore d'inverno, vive a Ventotene con i genitori, pochi amici e una barca da curare e da cui farsi cullare. Con l'arrivo di Martina, turista di un nord lontano e introverso, il ragazzo conoscerà la primavera e l'amore, quello che toglie il fiato e lascia sfiniti sul molo a guardare un traghetto salpare. Martina, studentessa per dovere col vizio dei silenzi, s'innamora di Salvatore senza riuscire a comprenderne il mondo e l'"isolitudine". Dopo una notte d'amore e di sale, si rende irreperibile, lasciando Salvatore nel panico e nel più totale sconforto.

  • Produzione: Warner Home Video, 2010
  • Distribuzione: Videodelta
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of)
Note legali