Stripe PDP
Salvato in 8 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Sull'etica del suicidio. Dalle «Riflessioni» e «Lezioni» di Immanuel Kant con i «Preparativi di un infelice alla morte volontaria» di un anonimo del Settecento
15,72 € 18,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+160 punti Effe
-15% 18,50 € 15,72 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,72 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,72 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Sull'etica del suicidio. Dalle «Riflessioni» e «Lezioni» di Immanuel Kant con i «Preparativi di un infelice alla morte volontaria» di un anonimo del Settecento Immanuel Kant
€ 18,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

2003
1 gennaio 2003
144 p.
9788871666921

La recensione di IBS

Criticando la tradizione, che condanna il suicidio perché contrario alla volontà divina, alla natura e all'interesse della società, gli illuministi ripropongono l'atteggiamento liberale degli stoici. Originale e filosoficamente provocatoria è la posizione di Kant, il quale ribadisce che il giudizio morale non può essere derivato da principi eteronomi, ma ritiene che il suicidio non sia permesso proprio in base all'autonomia e alla libertà umane. L'anonimo, però, rivendica la legittimità della morte volontaria secondo i principi dell'etica kantiana e giunge alla conclusione che quando l'organismo risulta non adeguato all'esercizio della moralità c'è un diritto (o perfino un dovere) al suicidio, che solo il materialismo può considerare equivalente alla distruzione della persona. Non c'è un diritto alla morte volontaria in generale, ma nemmeno si può dedurre dai principi morali un suo divieto assoluto. In effetti la questione del suicidio mette alla prova la loro capacità di far presa sulle nostre esperienze e intuizioni morali. La massima del suicidio, secondo Kant, capovolge l'obbligazione morale: lo stato sensibile dell'uomo diviene il movente ad agire e non per realizzare l'umanità, bensì per abbreviarne l'esistenza. Comunque non si deve idolatrare la vita in sé e per sé, né lasciare che l'agire venga determinato dall'istinto di conservazione. Il problema kantiano non riguarda dunque la custodia di un valore assoluto dato con l'esistenza, bensì la coerenza del volere con le sue proprie condizioni: non si può volere di non volere le condizioni della volontà, di essere liberi di far sparire la propria libertà. Tuttavia nell'etica kantiana l'articolazione dei livelli del giudizio morale, le distinzioni concettuali e le domande che non trovano risposte univoche lasciano aperta la possibilità che il rifiuto della massima del suicidio non escluda, sotto condizioni non specificabili a priori, l'ammissibilità di regole pratiche e quindi di azioni che abbreviano la vita.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Immanuel Kant

1724, Königsberg

Filosofo tedesco. Fu uno dei pensatori più influenti dell’epoca moderna. La sua opera più importante è Storia universale della natura e teoria del cielo (1755), nella quale avanzò l’ipotesi della formazione dell’universo da una nebulosa in moto rotatorio. Nella Fondazione della metafisica dei costumi (1785) e nella Critica della ragion pratica (1788) Kant delineò un sistema etico nel quale alla ragione è attribuita l’autorità suprema in campo morale.Particolare rilievo, sia come sintesi dell’estetica settecentesca sia come fondamentale e articolata premessa agli sviluppi dell’estetica romantica e idealista, ha la terza, grande opera di Kant, la Critica del giudizio (1790). L’esigenza di ritrovare una...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore